“È asciuto pazzo ‘o parrucchiano” e sono guai per i fedeli!

Mauro Romano

Che cosa accadrebbe se un parroco di un piccolo paesino dell’entroterra napoletano impazzisse e cominciasse a raccontare per strada i peccati dei suoi fedeli?

È quello che ha cercato di svelare la compagnia amatoriale “Il Teatro popolare napoletano” con lo spettacolo “È asciuto pazzo ‘o parrucchiano”commedia in due atti scritta nel 1989 da Gaetano Di Maio in un riadattamento di “Nu paese mieze 'e guaie”.

Come ci comunica Simona Buonaura, nei panni del parroco di paese Don Sandro, che talvolta con scelte anche discutibili cercadi sostituirsi a Dio invocando miracoli laddove sono situazioni più che terrene,  Antonio Giorgino che firma anche la regia, accanto a lui in scena, tra gli altri, Imma Giorgino nei panni della impavida e agguerrita Donna Rosa, Carmine Monda lo spassoso Modestino, Daniela Marciano, Giuseppe Giorgino, Pino Coppola, Teresa Castaldo, Carmine De Paola e Sonia Bonifacio. 

La Buonaura informa che la compagnia per 25 anni si è esibita a Brusciano presso la chiesetta della Pietà adiacente alla chiesa patronale del paese Santa Maria delle Grazie poi, dopo varie vicissitudini, ha dovuto lasciare quel posto optando per il Teatro Gloria di Pomigliano d’Arco dove hanno ottenuto un grande successo di pubblico. Infatti il teatro ha registrato un quasi tutto esaurito!

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Mauro Romano >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Fratelli Pentella
test 300x250
In Evidenza
test 300x250