'E frate piccerille' presentano Senza Fine alla rassegna teatrale di Saviano

Mauro Romano

La compagnia ha come principio ispiratore la visione francescana della vita e la visione di portare avanti l’antica tradizione del teatro partenopeo, ricco di storia e cultura, nonchè l'aggregazione di intere famiglie.

Nella stagione teatrale 2018/19, la rassegna/festival di Saviano (Na), alla sua 15° edizione, annovera nel cartellone ben 18 compagnie partecipanti. Un record non solo numerico, ma di spiccata crescita qualitativa, considerato il “ritorno” dei gruppi  che ne fanno un valido motivo di lancio, ed altri inserimenti di anno in anno. Ciò grazie alla lungimiranza  dell’amministrazione comunale attualmente condotta dal sindaco Carmine Sommese e all’impagabile impegno e competenza di patron Giovanni Palladoro, autentico mattatore dei sempre crescenti consensi.

Domenica 16 dicembre prossimo, con inizio alle ore 18:00, presso il teatro/auditorium della città del carnevale sito in via Falcone e Borsellino, sarà presentata la 3a opera in rassegna. Si tratta di  “Senza Fine”,  commedia scritta e diretta da Gerri Roberti, regista e capocomico della compagnia teatrale di Villaricca (Na) “'E frate piccerille'”.

Il cast annovera circa 20 componenti  tra attori tecnici e collaboratori. Le tematiche trattate nello spettacolo sono varie ed attuali, supportate da un linguaggio diretto e "colorito", ed hanno la “presunzione” di poter arrivare alle coscienze dello spettatore, alternando momenti di comicità esilarante ad altri di profonda riflessione. 

La compagnia ha già ottenuto numerosi riconoscimenti. Il più importante è sicuramente quello conferitogli dalla FITA (Federazione Italiana Teatro Amatori) nel mese di settembre 2018, con premiazione del Roberti quale miglior autore esordiente nell'ambito della rassegna "Campania Felix", una delle più ambite nel panorama del Teatro Amatoriale Campano. Inoltre ha vinto anche il premio come miglior attore protagonista in un altra rassegna ed il premio come miglior scenografia.  

La compagnia ha come principio ispiratore la visione francescana della vita e la visione di portare avanti l’antica tradizione del teatro partenopeo, ricco di storia e cultura, ed il vanto di aver coinvolto intere famiglie nel nobile progetto con l’intenzione di non lasciare niente al caso dal punto di vista organizzativo.

“Senza Fine”, l’opera presentata alla rassegna savianese dedicata al compianto Carmine Mensorio, basa la propria architettura sul desiderio di rivalsa dell’essere umano dopo una sconfitta, nella giostra della vita dalla quale nessuno può ritenersi escluso, sia esso ricco che povero, buono o cattivo, debole o forte. Quale sia il prezzo da pagare nel darsi una ulteriore chance non si sa, perché il superare le nostre fragilità, i nostri limiti, le nostre paure, viene quantizzato nella forza di volontà che ognuno ci mette per ricominciare. Senza fine, appunto.

Come sempre il sindaco Carmine Sommese ed il consigliere della città metropolitana Francesco Iovino, porteranno il saluto ai convenuti alle ore 18:00 di domenica 16 prossimo. Poi si ravviveranno le tavole del palco tra una risata ed una riflessione, tra una battuta esilarante ed un richiamo alla realtà. Così come insegna la vita.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Mauro Romano >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Farmacia dottor Luciano Vincenzo
test 300x250
In Evidenza
test 300x250