Alla Rassegna teatrale città di Saviano in scena I Matt...Attori di Thomas Mugnano

Mauro Romano

Il lavoro, creato tempo addietro dal Mugnano, viene riproposto poiché ritenuto d’impressionante attualità, nonostante siano trascorsi vari anni dalla venuta alla luce dal talento del poliedrico artista di Roccarainola .

La rassegna/festival teatrale città di Saviano (Na), domenica 25.02.2018, con inizio alle ore 18,00, aggiunge un altro tassello di spessore al suo già rinomato parterre  di partecipazioni di compagnie teatrali. Quelle che si sono esibite sinora – tutte con successo di pubblico e consensi – e quelle che ancora saliranno sul palco fino alla chiusura del 06 maggio prossimo.

A fare da spartitraffico tra le une e le altre, “I Matt…Attori di Thomas Mugnano”, autentici aficionado della rassegna per le loro numerose partecipazioni – e riconoscimenti vari! -  che porteranno in scena l’opera “Il mondo è fatto a scale … c’è chi scende e c’è chi sale”, scritta e diretta dal proprio fondatore.

Il lavoro, creato tempo addietro dal Mugnano, viene riproposto poiché ritenuto d’impressionante attualità, nonostante siano trascorsi vari anni dalla venuta alla luce dal talento  del poliedrico artista di Roccarainola (Na), che considera il teatro “Completezza e studio dei particolari non approssimazione, superficialità”. E lamenta che  “Il minimalismo è approdato sui palcoscenici negli ultimi anni a seguito della venalità degli attori e dei produttori. Fortuna che il teatro di Eduardo, Luisa Conte, Nino Taranto, Totò … non è mai stato ridimensionato in nessun aspetto. Questi erano Artisti con la A maiuscola, troppo oculati ed attenti per cedere al pressapochismo. La recitazione a teatro è un'arte seria e non 'Na pazziella”.

 Indiscutibile, quindi, l’accortezza, la sagacia artistica e l’indole d’incontentabile … che il matt…attore leader ha profuso nella creazione di un’opera tutta da gustare, perché, mentre da un alto presenta aspetti esilaranti rivolti al puro divertimento, dall’altro invita a pensare al male, alle storture della nostra società, lasciando un messaggio che non potrà essere ignorato.

 Altro punto cardine dell’universo artistico “Thomasiano”, è l’importanza che lo stesso pone verso la scenografia, ritenuta vero e proprio fulcro dello spettacolo. Infatti precisa: “Per preminenza ed antonomasia é ciò che di più tangibile e palpabile ci sia nell'architettura teatrale. Ideare e poi farsi allestire da uno scenografo professionista o amatoriale degli spazi non reali, abitazioni fittizie, cortili, piazze o scene, tra il reale ed il surreale … é come plasmare una favola creando con le battute del testo una visione immaginifica e fantasiosa che rende il tutto quanto più reale è possibile”.

 Da non sottovalutare, poi, quella venatura di poesia che serpeggia sul palco, sia per la rinomata bravura dei protagonisti che nel i contenuti, per niente scontati, dell’opera di volta in volta rappresentata. Ragion per cui, non mancheranno di certo sorprese ed innovazioni che i numerosissimi supporter che seguono da anni la compagnia partenopea, attendono col fiato sospeso, perché sanno che il loro Thomas non tradisce mai!

 Appuntamento, quindi, alle ore 18:00 di domenica prossima – 25.03.2018 – al teatro/auditorium di via Falcone e Borsellino della città del carnevale, per assistere alla 11a opera in cartellone della rassegna dedicata al compianto prof. Carmine Mensorio.

Puntuali, si raccomanda, perché è previsto il proverbiale pienone a cui ci ha abituato la compagnia. Ed anche perché l’organizzazione ha imposto scrupolosità alle compagnie per non penalizzare chi della precisione fa il suo credo.   A partire dall’immancabile sindaco Carmine Sommese che, come di consueto, porterà il saluto proprio e dell’amministrazione comunale che rappresenta. Buon divertimento!

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Mauro Romano >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Lombardi Immobiliare
test 300x250
In Evidenza
test 300x250