Sanremo 2018, il resoconto della prima serata. Fiorello grande mattatore

Antonio Franzese

Ecco le prime impressioni: i conduttori, le canzoni, gli ospiti

SANREMO - Si è aperta ieri, martedì 6 febbraio, la kermesse canora più importante d’Italia. E’ stato Fiorello ad inaugurare la sessantottesima edizione del Festival della canzone italiana, che con la sua simpatia e spigliatezza ha intrattenuto il pubblico dell’Ariston e gli spettatori a casa. E già dalla prima puntata abbiamo potuto ascoltare tutti e 20 i big in gara.

Ma veniamo ai presentatori del Festival 2018. Del trio la più sciolta è sicuramente Michelle Hunziker. Una vera sorpresa Pierfrancesco Favino, che nonostante non sia propriamente un conduttore è riuscito a portare la sua professionalità ed ironia sul palco del Festival. Anche se più ingessato buona anche la performance del “padrone di casa” Claudio Baglioni. Più di quattro ore sono veramente troppe – è questo il vero problema di Sanremo – e nonostante la bravura e la simpatia dei conduttori la serata alla fine è risultata alquanto macchinosa.

Era attesissima sul palco dell’Ariston la grande Laura Pausini, che proprio qui, 25 anni fa, esordì (e vinse) nella categoria “Nuove proposte” con La solitudine. La cantante di Faenza, affetta da laringite, non ha potuto presenziare, ma questo non le ha impedito di collegarsi telefonicamente con lo studio, con la promessa di esserci nella finale di sabato. Ospite della prima prima puntata, altro cantante italiano amatissimo dal pubblico: Gianni Morandi.

Al termine della prima serata del Festival di Sanremo, in cui tutti e venti gli artisti in gara per il concorso principale hanno cantato le loro canzoni inedite, è stata mostrata la prima classifica parziale.

I cantanti e i gruppi della categoria “Campioni” sono stati votati con un sistema che ha tenuto conto per il 40 per cento del televoto, per il 30 per cento del giudizio dei membri della giuria della sala stampa e per il 30 per cento della giuria demoscopica. 

La classifica vede i 20 artisti divisi in tre categorie associate a un colore: blu per i più votati, giallo per quelli a metà classifica, rosso per i meno votati.

 

Classifica alta

 Annalisa – “Il mondo prima di te”

 Lo Stato Sociale – “Una vita in vacanza”

 Max Gazzé – “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno”

 Ermal Meta e Fabrizio Moro – “Non mi avete fatto niente”

 Nina Zilli – “Senza appartenere”

 Noemi – “Non smettere mai di cercarmi”

 Ron – “Almeno pensami”

 

Classifica Centrale

 Luca Barbarossa – “Passame er sale”

 Elio e le Storie Tese – “Arrivedorci”

 Giovanni Caccamo – “Eterno”

 Mario Biondi – “Rivederti”

 The Kolors – “Frida”

 Ornella Vanoni con Bungaro e Pacifico – “Imparare ad amarsi”

 

Classifica Bassa

 Red Canzian – “Ognuno ha il suo racconto”

 Decibel – “Lettera dal Duca”

 Diodato e Roy Paci – “Adesso”

 Enzo Avitabile e Beppe Servillo – “Il coraggio di ogni giorno”

 Roby Facchinetti e Riccardo Fogli – “Il segreto del tempo”

 Le Vibrazioni – “Così sbagliato”

 Renzo Rubino – “Custodire”

 

Dieci artisti si esibiranno anche stasera mentre i restanti dieci giovedì. Venerdì saliranno sul palco di nuovo tutti e venti, per cantare una versione rivisitata dei propri pezzi insieme ad altri ospiti.

La differenza principale di questa edizione del Festival è che non ci saranno cantanti eliminati di serata in serata: tutti arriveranno a sabato sera, quando verrà stilata una nuova classifica e verranno esclusi automaticamente tutti gli artisti sotto al terzo posto. Chi vincerà lo spareggio tra i primi tre classificati sarà il vincitore dell’edizione 2018 del Festival di Sanremo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Antonio Franzese >>




Articoli correlati



Altro da questo autore