Elton John attacca Putin: “Ecco chi sono i gay russi”

Redazione

Sir Elton John oggi in primo piano non per un nuovo prodotto discografico ma per essersi esposto in prima persona in favore del rispetto e della tutela della comunità gay. Il tutto è accaduto in Russia, a due mesi dal concerto a Mosca che ha visto lo stesso cantautore britannico conquistare il pubblico grazie alla dedica della stessa manifestazione alla memoria di Vladislav Tornovoj, un giovane russo crudelmente violentato e ucciso a Volgograd, nel maggio dello stesso anno, reo d’aver confessato la propria omosessualità.

A far scattare l’intervento dell’artista, la legge contro la propaganda gay adottata da Putin, fortemente criticata, alla quale lo stesso Premier Russo, per difendersi dalle critiche internazionali soprattutto in virtù delle ormai prossime Olimpiadi invernali di Sochi, ha risposto di non essere assolutamente omofobo ma di avere amici gay oltre ad essersi era definito un fan di Elton.

Pesanti le parole pronunciate dall’artista - La gente che ho incontrato sono gay e lesbiche di 20, 30 e 40 anni, mi hanno raccontato storie sulle minacce che hanno ricevuto da parte di gruppi di vigilanti che si sono offerti di “curarli” per la loro omosessualità - continuando poi- Ognuno ha storie di abusi verbali e fisici da condividere, al lavoro, nei bar e nei ristoranti ».

La questione, che si trascinerà probabilmente con ulteriori battute nei prossimi giorni, altro non fa che evidenziare come alcune tematiche, quelle citate in maniera particolare, nonostante lo stato avanzato della nuova società mondiale, continuano a protrarsi senza arrivare ad un punto d’incontro e di risoluzione tra le diverse parti coinvolte.

 

Vincenzo Esposito

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore