Nola, Festa di San Felice: Il tutero e l’Ombrello

Viviana Papilio

Con “Il Dolce clima della Festa” ripartono dalla Pro Loco le celebrazioni di San Felice

Viene riproposta dalla Pro Loco di Nola Città D’Arte la tradizione del “tutero e dell’ombrello”, elementi emblematici e benaugurali legati ai festeggiamenti in onore di San Felice. Affinché le nuove generazioni possano conoscere e perpetrare l’usanza storica dell’acquisto del caratteristico torrone (tutero) da donare a chi si vuole bene insieme all’ombrello (celebre gesto dalle facili interpretazioni in seno alle credenze popolari), la Pro Loco apre le porte della sua sede da sabato 9 fino a domenica 17 novembre dove sarà possibile dotarsi dei due “simboli” della festa, proposti in collaborazione con le pasticcerie nolane Coco’s, la Floreale e Paperopoli, e della ditta dolciaria Caporaso di Bottega Bruniana.

Particolarmente ricco e dettagliato è il programma della lunga settimana che omaggia e celebra il Santo. Gli eventi che affollano l’agenda si rivolgono a tutti, dai più piccoli -per i quali si spalancano le porte per ripercorrere la storia di San Felice-, agli adulti -che potranno cimentarsi nella preparazione del tutero prendendo parte allo show cooking tematico, dalle visite guidate ai laboratori medievali, dalle degustazioni ai laboratori relativi alle tipicità locali realizzati in concerto con la Slow Food Agro Nolano.

Il Programma:

"Il Dolce clima della Festa" è l’appuntamento che inaugura l’edizione 2019 sabato 9 alle 18.30 con il trenino delle castagne, degustazioni e altre dolci sorprese. Si continua domenica 10 con giochi e animazione per bambini al mattino e di pomeriggio con la preparazione de "Il torrone della Nonna". Mercoledì 11, invece, la Pro Loco Nola Città d’Arte ospiterà in sede Irma Brizi, docente ed esperta dell’Associazione Nazionale Città della Nocciola che, con la collaborazione della condotta Slow Food Agro Nolano terrà un laboratorio sulla regina delle campagne nolane, la nocciola, alle 16.30 e alle 18. Nella giornata di San Felice, venerdì 15 novembre, porte aperte ai piccoli dalle 10.30 invitati in Pro Loco per riscoprire la storia del Santo Patrono, ed anche ai meno piccoli dalle 18, quando ci sarà uno show cooking per preparare insieme il Tutero. Sabato 16, infine, grazie alla collaborazione del Laboratorio di Ricerche Medioevali Èmile Bertaux, sarà possibile visitare il Complesso di Santa Maria Assunta di Pernosano, a Pago del Vallo di Lauro (Av), dove è custodita la più antica immagine di San Felice Vescovo, un affresco particolarmente significativo ove sono rappresentati anche i Santi Vescovi Massimo e Paolino. Le visite guidate gratuite, a cura delle guide turistiche abilitate della Regione Campania e del Professore Giuseppe Mollo, sono previste in due turni, alle ore 10.30 e alle ore 12. Di pomeriggio la festa torna in Pro Loco con giochi e divertimenti per i bambini a partire dalle 18.30.

"Come sempre facciamo il possibile per dare il nostro contributo nei momenti che la comunità di Nola più ama, del resto basta poco per regalarci momenti di festa e riscoprirci vicini, famiglie e amici, lavorando sulle nostre origini; è un impegno in linea con la nostra missione di proteggere e promuovere il patrimonio di tradizioni e cultura immateriale soprattutto tra i giovanissimi", afferma il presidente della Pro Loco Nola Città d’Arte, Giuseppe Bianco.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Viviana Papilio >>




Articoli correlati



Altro da questo autore