Torna alla Corte del Gusto. Marigliano capofila della kermesse

Anita Capasso

Si parte a dicembre e si conclude a febbraio. La manifestazione itinerante oltre a Marigliano coinvolgerà i comuni di Scisciano, Mariglianella e San Vitaliano. FOTO

 MARIGLIANO - Dietro al cibo e al gusto ci sono la cultura e le tradizioni di un popolo. Alla Corte del Gusto, la manifestazione itinerante che arricchirà di sapori nostrani il Natale, questo lo sanno. Si punta sull’arte, la musica e i prodotti d’eccellenza della nostra Regione con il coinvolgimento delle cooperative sociali tra cui Libera e Radio Siani, che operano in beni confiscati alla camorra o in zone difficili restituendo alla legalità fette di città dominate dagli affari dei clan.

 Si punta su “Il bello e il buono della nostra Campania”: l’Associazione Culturale Terre di Campania che cura la kermesse, diretta da Simone Ottaiano, e organizzata dal Comune di Marigliano con il coinvolgimento delle municipalità di Scisciano, San Vitaliano e Mariglianella, accende i riflettori sulle eccellenze in tutte le sue forme. Luoghi, persone, mestieri, professioni, aspirazioni danno così luogo ad un parterre di eventi impossibile da annoverare tutto, che mira a progettare un futuro più sereno e a ridare dignità ad un territorio devastato dalla triste etichetta di Terra dei Fuochi o peggio ancora di Triangolo della morte.

Qui però la gente non si piange addosso e lotta per un futuro migliore, a partire dalla valorizzazione della cultura. I prodotti della terra sono cultura, così come il castello ducale che ospita le suore  è il luogo della storia e della memoria di Marigliano. Lo ricorda la nuova madre superiora delle Suore della Carità, Adele, che aprirà le porte del convento alla kermesse del gusto invitando gli studenti a contattarla sul social facebook per visite guidate.

 Nell’aula consiliare ci sono gli studenti dell’Itcg Manlio Rossi Doria, il professionale Galileo Ferraris e il liceo C. Colombo, il cui indirizzo artistico tramite l’appello lanciato da una studentessa è riuscito  a ritagliarsi uno spazio per una mostra espositiva. L’obiettivo di coinvolgere la collettività contagiando è  dunque già raggiunto. Ci saranno percorsi enogastronomici che valorizzeranno “papacelle”, arance, olio, pomodori e pasta con appositi laboratori per grandi e piccini.

 Nella conferenza stampa di presentazione della Corte del Gusto, introdotta dalla giornalista, Antonella Laudisi, infatti, si è messo in evidenza proprio questo. “ La patata, quella che mangiamo fritta e che viene lavorata dalle industrie del nord proviene da Marigliano. Qui, nel comune capofila del progetto co-finanziato dal Poc Campania 2014-2020, “Rigenerazione urbana, politiche per il turismo e la cultura”, la patata nell’estate del ’59 ha ispirato una rivolta feroce per la caduta a picco dei prezzi e la salvaguardia della produzione che insieme all’oro rosso era il prodotto principe dell’economia locale.

Terra di patate e di San Marzano”: ricorda la giornalista Laudisi che cede la parola ai sindaci dell’area. Ci sono il sindaco del comune capofila Antonio Carpino, quello di Scisciano Edoardo Serpico e di Mariglianella, Felice Di Maiolo che prende la parola per primo. Manca per impegni sopraggiunti, il sindaco d San Vitaliano , Antonio Falcone.

Il primo cittadino Di Maiolo sottolinea la necessità di riappropriarsi delle tradizioni perdute legate al Natale. Il 21 nel suo comune si terrà un convegno a tema con l’intervento dell’antropologa Helga Sanità, Paola Ammirati, docente di lettere classiche e la preside Gianna Afrodite Zarra. Un tempo si accendeva il forno di campagna ed era tutto un pullulare collettivo di odori e sapori legati alla preparazione di panettoni e anche di sfide tra donne a chi sfornava il prodotto migliore tenendo per sé quel segreto che conferiva alla propria ricetta un tocco in più.

A Marigliano, però, alla Corte del Gusto “Riaccende le luci “ anche sul cabaret e sabato 9 dicembre si premiano le eccellenze locali, quelle legate alle capacità intellettive e professionali di uomini e donne di queste terre che si sono distinti in campo scientifico e medico. Saranno  premiate  - dice il sindaco Antonio Carpino - , la giovane ricercatrice, Annalisa Allocca, che faceva parte dell’equipe di ricerca che si è aggiudicata il Nobel per le onde gravitazionali,  e Carolina Di Somma,  eccellenza nel campo della medicina.

Si parte  giovedì 7 dicembre con il convegno “Il Sud che vince “ con l’intervento di don Antonio Loffredo e la cooperativa sociale “La paranza onlus” che testimonieranno il proprio impegno per la riqualificazione del rione Sanità. Prende la parola l’assessore alla cultura Nello La Gala: ”Si tratta di  momenti non di semplice intrattenimento, ma di conoscenza dei prodotti del territorio e di tante eccellenze che danno lustro a questo territorio “.

 Al musicista Antonio Porcelli è stato affidato il compito di mettere insieme gli artisti mariglianesi per dare vita al concerto: "Marigliano Live" che si terrà il 10 dicembre. “A Scisciano il “Gusto” si incentra sul teatro”: lo ricorda il sindaco Edoardo Serpico. Domenica 17 dicembre sono previsti anche momenti di animazione in piazza XX settembre. Si conclude a febbraio con il premio artisti per la pace su cui da ben nove anni punta i comune di San Vitaliano per accendere la speranza. In allegato la locandina con la serie di appuntamenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net



Articoli correlati



Altro da questo autore



Fratelli Pentella
test 300x250
In Evidenza
test 300x250