Rinascita Napoli: gli azzurri battono 2-1 la Juve di Sarri

Giuseppe Lombardi

A segno Zielinski, Insigne e Ronaldo: prestazione superlativa

NAPOLI -  Nel posticipo della ventunesima giornata di campionato il Napoli affronta la Juventus. Azzurri in campo con il 4-3-3 con Callejon e Insigne accanto a Milik. I bianconeri rispondono con un modulo speculare con Ronaldo e Dybala accanto all'ex di turno Higuain.

Nella prima frazione di gioco ci prova subito Milik con un colpo di testa che termina di poco alto. Entrambe le squadre non si sbilanciano mai, studiandosi a vicenda per gli interi quarantacinque minuti. Tra i partenopei si mette in mostra Diego Demme, che corre per tutto il campo effettuando un lavoro straordinario nell'ostruzione della manovra avversaria. Gli uomini di Maurizio Sarri si rendono pericolosi con un paio di conclusioni di Ronaldo dalla distanza che escono ampiamente dallo specchio. Si va così all'intervallo sul punteggio di 0-0. 

Nella ripresa Pjanic ha un problema di natura muscolare e viene sostituito da Rabiot. Il Napoli è più propositivo, riversandosi costantemente nella metà campo dei bianconeri. L'episodio chiave al sessantatreesimo minuto: Insigne calcia dalla distanza, Szczesny respinge ma il più lesto di tutto è Piotr Zielinski che tutto solo timbra il cartellino. La risposta della Juventus non è delle migliori e i partenopei ne approfittano per gestire il vantaggio e addirittura raddoppiare al minuto ottantasei, con un tiro al volo del solito Insigne che si infila direttamente nella porta avversaria. Nel finale Ronaldo accorcia le distanze approfittando di un errore in uscita da parte di Meret. Termina così il match: impresa del Napoli, che ritrova la vittoria al San Paolo battendo la Juventus 2-1.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Lombardi >>




Articoli correlati



Altro da questo autore