Napoli devastante: Osimhen, Zielinski e Lozano abbattono lo Spezia

Giuseppe Lombardi

Si fa male Mertens nella ripresa

Nell'anticipo della trentacinquesima giornata di campionato il Napoli affronta lo Spezia di Italiano al Picco di La Spezia. Azzurri in campo con il 4-2-3-1 con Politano, Zielinski e Insigne alle spalle di Osimhen. I liguri rispondono con un 4-3-3 con il tridente composto da Verde, Agudelo e Gyasi. 

 

Nella prima frazione di gioco Osimhen si rende pericoloso al dodicesimo minuto con una conclusione da fuori che sfiora il palo alla sinistra di Provedel. Tre minuti più tardi Di Lorenzo va via sulla destra e serve perfettamente Zielinski in area, che è freddo sotto porta e sblocca il punteggio. I partenopei sfruttano gli spazi lasciati dallo Spezia e raddoppiano al minuto ventitré: Zielinski recupera palla e lancia in profondità Osimhen, il quale parte in progressione e batte Provedel. Gli uomini di Gattuso continuano a rendersi pericolosi in proiezione offensiva con un tiro di Hysaj dalla distanza che termina alta. Al quarantacinquesimo Insigne pennella una palla perfetta per Osimhen da situazione di palla inattiva e il nigeriano trova la seconda rete di giornata. Si va così all'intervallo sul punteggio di 0-3. 

 

Nella ripresa Demme sfiora la rete con un tiro sotto misura che viene respinto da Provedel. All'undicesimo Politano parte in velocità e una volta arrivato al limite dell'area carica il mancino che finisce alto sopra la traversa. Al diciannovesimo lo Spezia accorcia le distanze: colpo di testa di Estevez salvato da Meret, poi sulla respinta Piccoli insacca. A metà del secondo tempo entra in campo anche Dries Mertens, che tuttavia è costretto ad uscire dopo soli cinque minuti a causa di una distorsione alla caviglia; al suo posto entra Elmas. Al settantanovesimo il Napoli chiude la gara: lancio lungo di Mario Rui per Osimhen, che attacca nuovamente la profondità e serve a rimorchio Lozano che non può sbagliare a due passi dalla porta. Termina così il match al Picco: Spezia-Napoli 1-4.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Lombardi >>




Articoli correlati



Altro da questo autore