Napoli disastroso: l'Hellas Verona vince 3-1

Giuseppe Lombardi

Non basta il gol lampo di Lozano

Nell'ultima giornata del girone d'andata il Napoli affronta l'Hellas Verona allo stadio Bentegodi. Azzurri in campo con il 4-2-3-1 con Lozano, Zielinski e Insigne alle spalle di Petagna. Gli scaligeri rispondono con un 3-4-2-1 con Barak e Zaccagni a supporto di Kalinic.

 

Nella prima frazione di gioco gli azzurri si portano immediatamente in vantaggio: Demme lancia subito in profondità Lozano, che beffa sul tempo Dimarco e batte Silvestri con un preciso diagonale sul secondo palo. Gli uomini di Gattuso provano a fare la partita e a colpire soprattutto sull'out di destra. Al ventiseiesimo il Napoli sfiora il raddoppio: ottima sponda di Petagna e tiro di prima intenzione di Demme che viene respinto miracolosamente da Silvestri. L'Hellas viene fuori gradualmente e trova il gol del pari al minuto trentaquattro: ottimo cross dalla destra di Faraoni che pesca Dimarco il quale, lasciato colpevolmente solo dai difensori avversario, la mette dentro a pochi passi dalla porta. Qualche istante dopo il Verona sfiora il vantaggio con una girata di Lazovic che viene parata da Meret. Nel finale Lozano calcia con il destro in area e sfiora l'incrocio dei pali. Si va così all'intervallo sul punteggio di 1-1. 

 

Nella ripresa Insigne ci prova al decimo minuto con una conclusione dalla distanza che termina abbondantemente al lato. Al quindicesimo entra in campo Mertens in luogo di Insigne. Al diciassettesimo il Verona si porta in vantaggio: Zaccagni imbecca con l'esterno Barak, che entra in area e batte Meret con un tiro preciso sul secondo palo. Successivamente entrano anche Politano e Osimhen al posto di Demme e Petagna. A dieci minuti dal termine l'Hellas trova anche la terza marcatura: Mertens perde palla a centrocampo, ripartenza letale dei padroni di casa che poi trovano il gol con un colpo di testa di Zaccagni. Termina così il match: Napoli disastroso, il Verona vince 3-1.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Lombardi >>




Articoli correlati



Altro da questo autore