Malcuit: con Ancelotti si può solo migliorare, sogno la Nazionale

Giuseppe Lombardi

Il terzino azzurro ha parlato ai microfoni di France Football

Kevin Malcuit, terzino del Napoli, ha parlato ai microfoni di France Football:“Appena arrivato, ho sentito un’enorme differenza con la Ligue 1 a livello tattico. I primi giorni, ero spesso fuori passo con i miei compagni di squadra. Era necessario assimilare il modo di giocare e migliorare nella posizione. Penso di aver lavorato bene in questo senso.

Come ha fatto Carlo Ancelotti a farti progredire quotidianamente?
“Mi ha fatto soprattutto lavorare sull’aspetto tattico nelle fase difensiva. Francamente, quando hai la fortuna di avere il “mister”, uno dei migliori allenatori del mondo, come allenatore, si ascolta ogni parola perché sappiamo che con lui si migliora”

Senti che l’Italia è preparata tatticamente?
“Sì, chiaramente. La Serie A è molto diversa. Qui, c’è molta più attenzione ai dettagli Prestiamo attenzione a tutto accuratamente. Durante le partite, qualsiasi rilassamento può essere rapidamente punito. Mi sento molto più attento nei 90 minuti altrimenti può essere molto rischioso”.

Hai già sperimentato il calore dei tifosi a Saint-Étienne e allo stadio Geoffroy-Guichard. Come sono il Napoli e San Paolo?
“L’atmosfera al Saint-Etienne è incredibile, e sicuramente una delle più belle di Francia. Ma Napoli è diversa.

Cioè ?
“Le persone vivono, mangiano, respirano e dormono pensando calcio. Come a Saint-Etienne, sentiamo il peso della storia indossando la maglia del Napoli. Diego Maradona ha giocato qui … Il calcio è una religione, non importa chi sei nella tua vita di tutti i giorni. Ognuno è un sostenitore del Napoli, e questo fervore, questo odore, questa atmosfera, ci sentiamo ogni giorno”.

Quale compagno di squadra di Napoli ti ha colpito di più?
“Mi alleno ogni giorno solo con calciatori di livello internazionale, il livello è molto alto. Ma, parlando della difesa, voglio dire Kalidou Koulibaly perché oggi è sicuramente uno dei migliori difensori del mondo e possiamo solo migliorare con lui”.

Monaco, Niort, Saint-Etienne, Lille e oggi Napoli. Pensavi che il percorso verso il più alto livello sarebbe stato più breve?
“Capisco questa domanda. È proprio questa carriera atipica, non necessariamente lineare, che mi ha reso il giocatore che sono. Ho conosciuto molte cose, nulla è stato facile ma non ho lasciato che nulla arrivasse al punto di evolvere oggi in uno dei migliori club d’Europa. Ogni volta, la regola è la stessa, io sono ottimista di natura, e voglio superare me stesso e soprattutto spingere oltre i miei limiti”.

La Nazionale?
“E’ un sogno e un obiettivo. Questo è anche ciò che ha dettato la mia ultima scelta di carriera. Sono a Napoli perché so che spero di arrivare alla Nazionale passando attraverso un grande club e grandi partite. Ovviamente, l’allenatore fa le sue scelte. Per quanto mi riguarda, devo rimanere nel mio attuale slancio.”

Sei stato percepito come un esterno molto offensivo. Ti consideri più difensore o calciatore offensivo?
“In termini assoluti, mi considero un calciatore che aiuta la fase offensivo cercando dii mantenere un equilibrio difensivo, perché prima di tutto sono un difensore in uno schema tattico. Da quando sono a Napoli, sono più rigoroso sulla difensiva grazie all’esperienza che faccio partita dopo partita.”

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Lombardi >>




Articoli correlati



Altro da questo autore