Il Napoli torna a vincere in campionato: poker contro il Parma

Giuseppe Lombardi

A segno Zielinski, Milik con una doppietta e Ounas

Nel posticipo della venticinquesima giornata di campionato il Napoli è ospite del Parma. Azzurri in campo con il consueto 4-4-2 con Mertens accanto a Milik. I ducali rispondono con un 4-3-3 con Biabiany e Gervinho a supporto di Inglese.
Nella prima frazione di gioco gli ospiti dominano fin dal primo istante creando numerosi potenziali pericoli nell'area di rigore ducale. Tra i più vivaci Piotr Zielinski, che riesce sempre a superare gli avversari sull'out di sinistra mettendo dei cross interessanti al centro. Al 19'gli ospiti passano in vantaggio: splendida triangolazione tra Hysaj e Zielinski, con quest'ultimo che calcia direttamente con il destro trovando il bersaglio grosso. Il Napoli continua a mantenere il pallino del gioco contenendo i pochi assalti degli emiliani. Il raddoppio arriva al 36' e porta la firma di Milik con una perfetta esecuzione su calcio di punizione. Si va così all'intervallo sul punteggio di 0-2.
Nella ripresa il copione non cambia, tuttavia l'arbitro Chiffi decreta prima un penalty a favore del Parma, che viene poi annullato dal VAR per un precedente fallo ai danni di Callejon. Al 60'Gervinho conclude dalla distanza e Meret risponde con una super parata. Da questo momento in poi i ducali scompaiono letteralmente dal campo. Carlo Ancelotti manda in campo Luperto al posto dell'infortunato Maksimovic. Verso la metà del secondo tempo Biabiany perde un pallone a ridosso della mediana facendo partire il contropiede degli azzurri, che viene finalizzato perfettamente da Milik. Nel finale spazio anche per Ounas e Verdi in luogo di Milik e Zielinski: proprio i due neo-entrati confezionano l'azione che porta al quarto gol dell'algerino, con un sinistro micidiale che batte nuovamente Sepe. La partita si chiude con questo sigillo: il Napoli surclassa il Parma con il punteggio di 0-4 e porta a casa l'intera posta in palio. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Giuseppe Lombardi >>




Articoli correlati



Altro da questo autore