Il Saviano riparte da dove aveva lasciato

Antonio Iannucci

SAVIANO - Risplende il sole sul Peppino Pierro nella seconda domenica di Ottobre data prefissata per l’inizio del campionato di I Categoria.

 

3° esordio in 2 anni del sodalizio guidato dal presidente De Falco. La tensione è forte, e nonostante le gradinate dell’impianto sportive siano già stracolme di tifo e d’amore per i colori nero verdi, la tensione della nuova ed ancor più probante avventura, si sente nell’aria e si tocca con mano fin quando il calcio d’inizio non rompe gli indugi dando il via all’unica cosa che può far capire quali sono i reali obiettivi: il pallone del il campo, gli unici in grado di definire le forze in gioco.

 

Il S. Vincenzo Unitis, sulla carta, non è una delle squadre attrezzate per un campionato di vertice, ma di certo non ci sta a fare la parte della “vittima sacrificale” al punto da riuscire a tenere testa ai lupi, in arancio per l’occasione, nella prima frazione di gioco.

 

Al duplice fischio, però, l’impressione è che se da un lato gli ospiti abbiano dato tanto per tenere testa agli uomini di mister Rainone al punto di concedergli un’unica vera palla gol salvata da un intervento miracoloso dell’estremo difensore, dall’altro gli uomini da casa hanno un po’ utilizzato la prima frazione per far conoscenza e familiarizzare con i ritmi della nuova categoria.

 

Nella seconda frazione il Saviano decide di rompere gli indugi e Nappi, con un uno due, porta i suoi avanti risolvendo una mischia in area di rigore e sorprendendo il portiere avversario con una parabola pressoché perfetta che sorprende sia difesa che portiere avversario mandando in visibilio tutti gli appassionati presenti.

 

I locali abbassano un po’ il ritmo e gli ospiti ne approfittano accorciando le distanze, ma è Cristiano a chiudere il conto al 35° riportando i suoi a distanza di sicurezza a più 2 dall’avversario e portando in cassaforte i primi 3 punti stagionali.

 

A fine gara è Nappi che sembra avere un problema: se non se ne fa 2, non riesce a dormire… ma si parla di marcature. Per lui non fa differenza amichevole, allenamento, coppa o campionato, ne deve segnare almeno due.

La squadra e la società si uniscono nell’augurare un buon compleanno ad una delle colonne portanti della società savianese: il segretario Ottavio Benvoluto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net



Articoli correlati



Altro da questo autore



Viaggi Lucio
test 300x250
In Evidenza
test 300x250