Nun me tratta' male.

Redazione

Ci siamo imbattuti in una poesia che ci ha molto  turbati e che vogliamo condividere con voi. La vogliamo dedicare a tutti i figli che amano i loro genitori, che    in questi giorni di festa  trascorrono in famiglia il Natale e le feste natalizie, donando  gioia  e felicità ai propri vecchi.

 Ma soprattutto  a chi, per un qualsiasi motivo,  o non sopportando la loro decadenza e la loro vecchiaia,  li tratta male o si fa  sfiorare dall’idea di chiuderli in un’asettica  gabbia dorata.

NUN ME TRATTÀ MALE

Ie,

si nu juorno vecchia e stanca,

m'avvessa spurcà quanno magno,

pecchè me tremmene 'e mmane, 

tu nun me guardà stuorto,

pienze quanti vvote te spurcave tu,

pe te mparà a magnà piccerillo mbraccia me.

 

Si 'a vicchiaja,

me fà dicere sempe 'e stessi ccose, 

tu suppuorteme nu me trattà male,

pienze quanti ssere, 

t'aggio cantato 'a stessa ninnanna,

pe te fà addurmmì.

 

Si 'e coscie me tremmano,

e nun c'a faccio a stà vicino a te a cammenà,

aspiettemi e nu sbuffà, 

tu nun te scurdà,

ca ie t'aggio nmparato a cammenà, 

senza maje sbuffà manco na vota.

Si mo parlo e sbaglio 'e pparole,

tu nun ridere e me nun me fa sentere na scema,

ie pe te aggio accumminciato lettera pe lettera,

pe te mparà a parlà.

 

Si mo aggio bisogno e te pe m'appuià nu poco, 

ncoppo a spalla pe m'arrupusà,

pienze quanti vvote t'aggio purtato mbbraccio.

 

E mo aiuteme sulo arrivà a fine 'e chesta vita,

arricurdete figliu mio,

che tu si tutto 'a vita mia, 

e nun te scurddà maje e me,

pecchè ie,

aggio campato sulo pe te.

 

 

 Foto di archivio

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore