ARIA 'E NATALE

Ercole Capuozzo

Mes’’e dicembre. San Gregorio Armeno;
‘a sempe ‘a capitale d’’e pasture;
dint’’a stu vico, mmiezo a sti culure,
pare che staie, cu stu scenario, almeno
nu pare ‘e centenare d’anne arreto.

Ll’ aria se ‘mpregna ‘e nu sapore antico.
Nu sciummo ‘e gente, l’uocchie stralunate,
quase a vulè fermà cose passate
ca viveno presente int’’a stu vico,
comme si ‘o tempo nun fosse mai passato.

Me pare mo…quant’anne so’ passate…
E veco ‘o primmo amore…’a gioventù…
‘na mamma ca se n’è vulata ‘ncielo.
‘Na lacrima int’all’uocchie…sarrà ‘o gelo…
‘A quantu tiempo nun chiagnevo cchiù…

A scrivere questi versi è stato un vecchio poeta napoletano, Salvatore Fernandez, che ha amato molto Napoli. Ad essa, senza desiderare niente altro, ha donato il suo amore. E quanti, come lui, 'in silenzio' hanno cantato Napoli! Che, nonostante le trasformazioni subite dal tempo, in molte ricorrenze mantiene intatti il suo fascino e la sua unicità.
Aria di Natale, suono di zampogne. E i ricordi del passato ti prendono la mente e il cuore: la mattina, quando le strade erano ancora buie e aspettavano l’alba insieme ai ciclamini nascosti sotto le foglie marce di fine autunno, e lentamente le case si svegliavano all’aroma del caffé, tra veglia e sonno sentivi il dolce suono delle zampogne.

 
Si apriva qualche finestra, poi un’altra e un’altra ancora

Ti svegliavi, ma non eri arrabbiato e con curiosità ti affacciavi al balcone per vedere dove si fossero fermati gli zampognari.
E finalmente li vedevi. Rossi in volto per il gran freddo, entravano nel cortile del 'tuo' palazzo, e la dolce nenia riprendeva davanti all’immagine della Madonna, che, allora, era presente in ogni casa per proteggerti.
Si apriva qualche finestra, poi un’altra e un’altra ancora, e si calavano i panieri con un po’ di pane, pasta, vino; e gli zampognari ricambiavano con le 'cucchiarelle' di legno, che le nostre mamme sceglievano con cura per fare il ragù, ma che, immancabilmente, dopo un poco, si rompevano sulle nostre schiene.
Dopo un lungo periodo di silenzio, il suono delle ciaramelle ti giunge ancora tenue e delicato e, come allora, ti penetra nel cuore.
Molti si fermano ad ascoltare; qualche auto rallenta; i ragazzi si avvicinano incuriositi. Guardi anche tu e vorresti vedere ciò che non c’è più.
Gli zampognari suonano lentamente per le strade, ma avverti che è scomparsa la mistica passione nel loro suono; entrano in ogni negozio per avere una piccola offerta che sa tanto di elemosina. E non portano più le 'cucchiarelle'.
Sanno che ormai sono inutili: la domenica non profuma più di ragù, e i ragazzi sono così buoni!

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Ercole Capuozzo >>




Articoli correlati



Altro da questo autore