Marigliano, Liceo Colombo: "Scritto sulle Pietre Antiche".

Redazione

“Non mi sono mai chiesto perché scattassi delle foto. In realtà la mia è una battaglia disperata contro l’idea che siamo tutti destinati a scomparire. Sono deciso ad impedire al tempo di scorrere. E’ pura follia” Robert Doisneau

MARIGLIANO - Questa mattina al Liceo “C. Colombo” di Marigliano è intervenuto il direttore del Museo MUDIF della fotografia dott. Rosario Petrosino che ha accolto l’invito a prendere parte al ciclo di conferenze “Scritto sulle pietre antiche”.

L’intervento del direttore  ha letteralmente travolto gli studenti con le sue esperienze da docente universitario e con la sua professionalità sulla tipologia, distribuzione territoriale e consistenza dei fondi fotografici.

 Il suo museo è ricco di raccolte storiche di interesse generale o locale (negativi su lastra di vetro e stampe, pellicole fotografiche, negativi e dagherrotipie, oltre ad attrezzature, libri e manuali), ma anche di documentazione più recente e di quella quotidianamente prodotta, da conservare in quanto testimonianza progressiva di avvenimenti e di cronaca che sempre più rapidamente fanno storia e cultura sociale.

Stamane la conservazione e il restauro della fotografia per gli allievi sono stati oggetto di riflessione, legata al dibattito concernente il riconoscimento del linguaggio fotografico e dello status della fotografia, considerata come bene culturale “unico e insostituibile”.

Al dibattito non può naturalmente essere estraneo il fatto che il MUDIF sia uno dei musei più importanti dedicati alla fotografia territoriale e il definitivo riconoscimento della fotografia come bene culturale è avvenuto anche grazie alla sua musealizzazione

Da questo incontro è emerso che occorre dunque stimolare collaborazioni con vari enti per definire metodologie didattiche comuni di identificazione, descrizione, conservazione e restauro dei vari tipi di materiale fotografico e a far sì che la fotografia possa essere accettata come forma d’arte a pieno titolo.

 Walter Benjamin nel 1931 scrive: “Nel momento in cui Louis-Jacques-Mandé Daguerre era riuscito a fissare le immagini nella camera oscura, i pittori erano stati congedati, a questo punto, dal tecnico”.

Ancor prima, alla fine dell’Ottocento, scriveva Rodolfo Namias “Nulla può dare il convincimento e una visione per quanto minima dell’avvenimento qualunque esso sia, come una fotografia ben eseguita. È questo un vero documento al quale quando gli archivi fotografici saranno organizzati, i posteri potranno ricorrere per impararvi non la storia narrata, che si può sempre ritenere in tutto o in parte non vera o esagerata, ma la storia fotografica che non mente perchè è luce che l’ha scritta sulla lastra”.

In conclusione è opportuno fare delle riflessioni metodologiche, al pari di uno storico quando analizza qualsiasi altro tipo di fonte: siamo di fronte a una fonte attendibile? Chi ha prodotto la fotografia? Cosa ci comunica l’immagine? In che contesto è stata fatta circolare? Le risposte possibile aprono ulteriori scenari, che sarebbe interessante esporre in futuro. Ringrazio ancora una volta la Dirigente scolastica per la sua preziosa collaborazione.

Felice Del Prete. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Fratelli Pentella
test 300x250
In Evidenza
test 300x250