Marigliano, Comunali: la visione della città di Saverio Lo Sapio

Redazione

Risposte alle nostre 10 domande del candidato sindaco Saverio Lo Sapio

Saverio Lo Sapio, data di nascita 8 Aprile 1959. Impiegato amministrativo presso direzione generale Euro Lloyd Assicurazioni Via dei Mille 16 – Napoli. Lavoratore autonomo – agente di assicurazione – Unipolsai Marigliano (NA)
Diplomato Al Liceo Scientifico Statale Cristoforo Colombo Marigliano (NA)

  Esperienze Politiche

Dal 1997 al 2001 consigliere comunale al Comune Di Marigliano (NA)
 Da dicembre 2016 ad agosto 2020 consigliere comunale al Comune Di Marigliano (NA)
2004 candidato l Consiglio Provinciale Di Napoli Collegio Di Marigliano (Verdi)
2006 candidato Al Senato Della Repubblica Italiana Collegio Campania 1 (Verdi)

 

 1)  Marigliano va al voto in un clima d' incertezza e con un Comune commissariato, come pensa di arginare il rischio di infiltrazioni nella macchina comunale?

La casa comunale oggi sembra una fortezza inaccessibile e noi dobbiamo trasformarla in un luogo trasparente: dobbiamo dare regole chiare e precise per fruire dei servizi comunali al fine di impedire eventuali tentazioni di gestire in modo clientelare qualsiasi cosa. Debellare la politica clientelare è il primo passo per sconfiggere e arginare i rischi di infiltrazioni. La prima cosa che faremo una volta insediati sarà, come abbiamo sottolineato più volte, l’azzeramento e il rinnovamento delle figure apicali del Comune: un’azione attesa da tempo per salvare dalla cancrena l’apparato istituzionale della nostra città. Tra l’altro i nostri candidati, tutti presentabilissimi e quasi tutti alla prima esperienza politica, già da soli basterebbero a garantire quella discontinuità con il passato che oggi è più necessaria che mai. Un’altra azione fondamentale sarà quella tesa a garantire la massima trasparenza amministrativa che è l’antidoto a qualsiasi tentativo di far camminare sotto traccia operazioni subdole.

2)            Cosa  farà  per impedire il consumo di suolo che sta devastando  il paesaggio e distruggendo la memoria storica con le demolizioni del Piano Casa?

Negli ultimi tempi il Piano Casa a Marigliano può essere quasi considerato un “Piano dei Miracoli” per le cose da non credere che si vedono in giro: trasformazione di catapecchie in palazzi e mattanza di edifici storici. Un nuovo PUC con regole certe, chiare e trasparenti per la tutela del suolo, la salvaguardia delle eccellenze architettoniche e lo sviluppo ecosostenibile del territorio sarà la chiave per la difesa dell’ambiente e il potenziamento virtuoso di attività compatibili con la vocazione originaria della nostra terra, ossia l’agricoltura.

3)            La corruzione è una nemica della Repubblica e del bene comune come vi porrete nei confronti di questo concetto ?

Anche a costo di ripetermi, la corruzione non riguarda solo la politica ma soprattutto quel consolidato potere dell’apparato burocratico che nel corso degli anni, invece di essere al servizio della comunità, ha alimentato un potere deviato. Anche le minime precauzioni, come ad esempio la prevista rotazione dei funzionari, non sono mai state adottate: se poi associamo a tutto questo anche il fatto che l’unico funzionario nuovo, che più o meno doveva rispondere al tanto ventilato cambiamento, dopo appena due anni è stato costretto a fare marcia indietro a causa di un vile attentato subito. Chiederemo di avere subito la COMMISSIONE D’ACCESSO!

 4)     L' ambiente è la spina nel fianco di questo territorio tristemente noto con due appellativi  “Triangolo della morte e Terra dei Fuochi ". Cosa  prevede il vostro programma ?

Innanzitutto una piantumazione straordinaria, su tutto il territorio comunale. Il recupero delle aree abbandonate, già di proprietà del Comune, per trasformarle immediatamente in parchi urbani e orti didattici. A tutto questo dobbiamo associare dei mezzi di contrasto agli sversamenti abusivi e ai roghi tossici, allestendo una sala operativa 24 ore su 24 che abbia anche la capacità di prevenire quelle azioni scellerate. Più di ogni cosa, però, conta la scelta strategica di contrastare con tutte le forze e le energie disponibili il disegno criminoso che a più livelli vuole trasformare questo territorio in un terminale di cemento e trattamento rifiuti. Tutto questo non può esistere senza una nuova sensibilizzazione della cittadinanza per l’ambiente, la salute, l’educazione civica, il decoro pubblico e il bene comune.

5)      Alle prime piogge il centro storico rischia di allagarsi, quali interventi prevedete ?

 Oltre al potenziamento delle infrastrutture del centro storico, atti a contrastare i soliti eventi spiacevoli che danneggiano i residenti, a mio avviso bisogna prevenire il fenomeno con una manutenzione puntuale e rigorosa. La scarsa manutenzione, infatti, è una delle cause principali degli allagamenti.

6)            Veniano alla sicurezza e alla legalità,  come vi muoverete?

 Vogliamo istituire una sala operativa attiva e vigile h24 che ci consenta di svolgere un’attività di prevenzione e contrasto ai reati contro le persone e contro il territorio, intervenendo tempestivamente e a tutte le ore. Al contempo implementeremo la presenza di sistemi di videosorveglianza, collegando la vigilanza in tempo reale all’attività di controllo delle forze dell’ordine.

7)            In questa città mancano le  strutture, le poche presenti  sono fatiscenti,  la viabilità è al collasso, molti  spazi pubblici  e  beni comuni sono nel degrado da dove partirete ?

 Dobbiamo recuperare tutte le strutture pubbliche inutilizzate e metterle a disposizione della comunità, dedicando anche un’attenzione particolare a tutti quegli immobili e terreni che molto probabilmente sono in condizioni di essere confiscati e riassegnati al Comune. Così facendo si potrà riprogrammare tutta una serie di attività culturali e, allo stesso tempo, mettere a disposizione sia dei giovani che degli anziani strutture adeguate allo scopo.

 8)            Cosa si farà per riqualificare e restituire alla fruibilità gli spazi inagibili e abbandonati?

 Ci sono diversi spazi inagibili e abbandonati. Più che rispondere con le parole noi rispondiamo con i fatti. Infatti, su iniziativa di Oxigeno abbiamo già fatto costruire un parco pubblico a Via Casafalco e così continueremo fino a recuperarle tutte al fine di mettere a disposizione dei cittadini spazi liberi e donare tanto verde alla nostra città che ne ha assolutamente bisogno.

 9)    Quali criteri saranno adottati in caso di vittoria per la formazione della squadra assessoriale?

 Noi siamo l’unica forza politica che potrà essere in grado di scegliere la migliore compagine assessoriale senza alcun condizionamento: l’unico criterio di base è quello di scegliere persone di alta competenza e, innanzitutto, compatibili con i valori e i principi a cui noi siamo legati. Gli sforzi maggiori saranno concentrati a individuare un assessore di grande spessore a cui sarà affidata la responsabilità del personale e del bilancio.

  10)         Perché i cittadini dovrebbero preferirla rispetto ai suo avversari? Faccia un appello al voto.

 Oxigeno è l’unica forza politica coerente che propone come priorità assoluta la questione ambientale e quella della salute dei cittadini, temi cruciali non solo per la nostra comunità ma per l’intera umanità. Marigliano più di tutti ha bisogno di una rivoluzione pacifica ma capace di cancellare tanti anni di malgoverno e di corruttela. Le sorti della città sono nelle mani dei cittadini e l’unica alternativa possibile è Oxigeno: il 20 e 21 settembre ogni voto alla nostra lista e a Saverio Lo Sapio sindaco rappresenterà una bocca d’aria pulita per Marigliano. Buon voto e vota Oxigeno!

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore