Marigliano, Marianna La Montagna non è più

Anita Capasso

--- FOTO ---

MARIGLIANO -  Marianna è volata dal padre celeste. La nostra 45 enne  guerriera  è in paradiso. dopo una lunga ed estenuante battaglia contro il male del secolo.  L' abbiamo  vista combattere con tutte le proprie forze sempre col sorriso sulle labbra. Ci ha reso partecipe della sua vita scherzando e infondendo coraggio a tutti noi. La sua pagina Facebook era una sorta di diario che  aggiornava periodicamente sulla sua vita. . Marianna al mare, in montagna, Marianna felice sempre,  una di noi. L' abbiamo vista  insegnante, mamma , testimonial di fede e di speranza. Ironia della sorte aveva già conosciuto quel male da vicino quando aveva visto morire , distrutta dal brutto male del secolo, la sua migliore amica.  Adesso lei...la vita è davvero un soffio e ci vede impotenti al suo cospetto. E' dura accettare le sue leggi. Il  dolore ammutolisce tutti ...La nostra guerriera resterà per sempre nei nostri cuori...vicinanza al marito Marco, alla figlioletta...e a tutti i congiunti. A tracciare un suo commovente ricordo è Elisabetta  Mauro, una  cara amica che  ripercorre le tappe del suo diario di lotta quotidiana, dando sfogo alla sofferenza :

"Quando il ricordo di chi non c'è più mi arriva da chissà dove, desidero farlo durare e allora scrivo. So benissimo da dove arrivano questi ricordi, sei volata via nel vento poche ore fa, come i semi del tarassaco spinti dal soffio di due guance che si riempiono e che li spariglia nel cielo. Leggera sei volata via seguendo il flusso della vita pronta a generarne di nuova. Sei stata un seme nelle vite di tutte le persone che ti hanno conosciuta, eravamo terreno e tu hai messo in ognuno di noi radici di forza, speranza e fiducia.

Non esiste una spiegazione conforme alla logica dinanzi alla morte, lo scorrere del tempo non avvicina al fine pena, non è una condanna che si sconta con il cadenzare dei minuti e delle ore, no. Ma l'assenza non include la mancanza, poiché finché saremo in vita, deterremo la tua presenza. La terra, chiunque di noi ti abbia conosciuta mia instancabile Maria Anna, ha una memoria ed ha contezza di ogni singola radice che l'ha attraversata e spero, con tutta me stessa, che il ricordo della tua fantasia, della tuo fare volitivo, della tua allegria e di tutta la speranza con cui hai annaffiato i giorni aridi, non mi lascino mai.

“Pochi riescono a percepire la profondità della vita, poiché i rumori del mondo intorno a loro stordiscono mente e cuore e vengono distratti dall’inessenziale”, così scrivevi qualche mese fa ed ogni parola che digitavi per riempire il tuo diario di lotta quotidiana risuonava come una granata nelle vite di chi ti osservava attraverso il filtro di uno schermo. Ci hai risvegliato le coscienze intorpidite ed il tuo sorriso dietro ad una foto, con la quale ci rassicuravi sulla tua salute, diveniva spartiacque tra l’essenziale e quell’inessenziale di cui parlavi. Da stamane, il tuo diario di lotta è costellato di piccoli abbracci virtuali e di lacrime, di carezze e di baci sussurrati nel vento, nella speranza che ti giungano, ovunque tu sia. L’amore non ha misura e distanze, questo ce l’hai insegnato tu.

Vola, come i semi del tarassaco, opalescenti, impalpabili, leggerissimi e pregni di ostinata vita, come quella che hai donato ad ognuno di noi e che continui a donarci mentre ti libri nell'aria ed il cielo ti cerca. Vola Maria Anna e tieni nel tuo cuore la tua famiglia e noi che ti abbiamo amata”.

Con tutto il mio affetto, Elisabetta Mauro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>


Galleria



Articoli correlati



Altro da questo autore