Marigliano, muore il poeta Vincenzo Moccia: re del buonumore

Anita Capasso

MARIGLIANO - Il Covid fa la prima vittima dell' anno a Marigliano. Porta via l' artigiano e poeta in vernacolo, Vincenzo Moccia. Era il gigante buono che con i suoi versi animava tutte le feste, in particolare gli eventi che si tenevano nella sua Miuli.

Era di quella frazione e ne  ha sempre difeso l' orgoglio dell' appartenenza. Era un poeta che con i suoi versi sfidava i canoni precostituiti. Noto come il gigante del buonumore, regalava al pubblico  quel pizzico di prosa piccante che strappava sempre ammiccanti sorrisi. Era noto in tutti i salotti culturali dell' hinterland e anche di fuori regione.

Vogliamo ricordarlo pubblicando  una sua poesia  di grande  contenuto , dedicata all' ambiente che si conclude con un' invocazione a Dio, un' invocazione che deve essere il faro della nostra esistenza anche adesso che ci sentiamo tutti un po' più soli per aver perso la gioia del suo sorriso. 

Vicinanza a tutta la famiglia. Addio don Vincenzo, i tuoi versi resteranno eterni, così come le serate liete trascorse con te e i tanti amici e amiche. 

 ‘O PROGRESSO.

‘Nu juorno se scetaje ‘o pataterno,

e ce venetto ‘ncapo ‘e crià ‘o munno.

Piglije ‘nu poch’e terra pe fa l’ommo

E n’atu ppocop’’a cumpagna soja.

Terra pulita senza inquinamento

E creaje ‘sti dduie essere viventi

Po’ cu ‘nu sciuscio ‘n’alitata ‘e viento

‘a dette ‘a vita pe fa cammenà.

E ‘nce criaje tant’ate belli ccose

Aria pulita, robba ‘e qualità.

E accussì simmo campato pe tat’anni

Mangianno ‘a robba ca ce dev’’a terra

robba sanasenza sofisticà.

E quanno aviva j’ a truvà ll’amico

Tu te mettive ‘ncopp’’o sciaraballo,

‘o cavalluccio tutt’annucchiato,

parive ‘nu signore, ‘nu pascià

Po’ chiano chiano ‘e coce sò cagnate,

ogn’uno ‘e nuje ha cercato ‘e migliorà

chi s’è accattata ‘amachina chi ‘o televisore,

chi s’è vennuto ‘e vacche pe s’accattà ‘o trattore.

E ccu chistu progresso parivo ‘e stà chiù meglio

Ma po’ sò arrivati ‘e guaje pè cielo ,mare e terra…

‘o cielo s’è affummato,’e falde so inquinate,

‘o mare è avvelenato, nun nce a facimmo cchiù.

Sperammo ca ‘o signore

‘nce da isso na mano.

Sulo accussì ‘o dimano

Po’ assere meglio ‘e mò".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore