Marigliano, bagarre in Consiglio: opposizione scatenata

Anita Capasso

Sia opposizione che maggioranza lasciano l'aula in due momenti diversi

MARIGLIANO - Opposizione sul piede di guerra. Punta l' indice contro la maggioranza. Casus belli:  il mancato accoglimento  della  proposta della minoranza di modifica della delibera di consiglio comunale, presentata dal presidente del Consiglio Comunale.

Le liste civiche Cambia con Noi, Andiamo Avanti, Periferia,    Progetto sociale con ALAIA e Popolari dichiarano che  la modifica proposta prevedeva, in virtù del Testo Unico degli Enti Locali, dello Statuto Comunale vigente e di Sentenze del Consiglio di Stato, che le commissioni consiliari debbano  rispecchiare la consistenza numerica dei gruppi consiliari e pertanto portare il numero dei consiglieri comunali in esse presenti da 6 a 9 ( in quanto - spiegano - 9 sono i gruppi politici presenti in consiglio comunale tra minoranza e maggioranza) senza percepire il gettone di presenza previsto per le commissioni consiliari.

Per protesta la  minoranza si è allontanata dall'aula consiliare.  È  poi  rientrata  per discutere dei successivi due punti tra cui  le dichiarazioni  del Sindaco di Pomigliano d'Arco Gianluca Del Mastro,  che in relazione alle passate elezioni ha parlato di voto inquinato,  e la costituzione di una commissione consiliare speciale relativa all'emergenza Covid.

Questa volta però a far venire meno il numero legale è stata la maggioranza. Presente in aula solo il Sindaco Jossa che in relazione alla chiusura delle scuole fino al 5 dicembre ha dichiarato:" Il provvedimento è stato deciso di concerto con  le autorità sanitarie e i rappresentanti dei genitori  che hanno praticamente dichiarato che le scuole in questa fase sarebbero un focolaio". Indice puntato contro le responsabilità a vari livelli.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore