Aiutate Puzone del glorioso Napoli di Maradona

Anita Capasso

Dalle luci della ribalta ad una vita di clochard. Sembra incredibile, eppure e' una storia vera quella dell' ex calciatore del Napoli di Maradona, Pietro Puzone, classe ' 63. Pochissime presenze in prima squadra, ma Maradona lo adorava. Nelle notti napoletane, fatte di divertimento  ma anche di qualche eccesso, erano sempre insieme. Fu per merito suo che si disputò ad Acerra una partita di beneficenza  su un campetto di periferia.

Servivano  fondi per un  bambino che doveva sottoporsi a un’importante operazione chirurgica. Puzone ne parlò  con Diego che si precipitò subito nel paese natale del giovane calciatore acerrano. Fu un evento solidale che fece vivere ai cittadini di Acerra anche l' emozione di vedere da vicino il fenomeno  Diego.

  Pietro era componente di quel mitico Napoli , che  vinse uno scudetto e una Coppa Italia.  Quando il Napoli si laureò campione d' Italia  Diego dedicò  anche a lui la vittoria.

 Cosa è successo a Puzone? Come aiutarlo ? Potrebbe l' incontro con i suoi ex amici calciatori sollevarlo dal torpore in cui è caduto? A lanciare l' appello  è stato Gianni Simeoli, alla Radiazza,  su segnalazione di un ascoltatore. Bisogna assolutamente provarci.  Arrivarono tanti calciatori ad Acerra per quell' ’amichevole che  non era stata autorizzata dalla Società Calcio Napoli. Si giocò su un campo sterrato. 

Contro di loro  scese in campo un gruppo di dilettanti che ancora ha nitidi nel cuore quei ricordi. Potrebbero i suoi amici di allora aiutarlo ? Fatelo. Potrebbero provarci tutti quelli che lo hanno incrociato durante il suo percorso calcistico.

Puzone andò a giocare a Catania, La Spezia e Ischia  e la sua carriera si concluse già nel '90.  Fa male la situazione di Pietro:  dorme in macchina e avrebbe bisogno di sostegno. Il suo malessere probabilmente è subentrato con la morte  del suo amico Pasquale D’Angelo, uno storico tifoso della Curva B deceduto nel 2015 a causa di un malore che lo colpì durante una partita. Uno shock forte che lo sta segnando duramente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore