Marigliano, Consiglio comunale al vetriolo

Anita Capasso

MARIGLIANO - Consiglio comunale al vetriolo. Duro scontro tra il consigliere comunale Saverio Lo Sapio e il sindaco Antonio Carpino.

" Basta attacchi a senso unico sulle sue dirette serali. La smetta di offendere i cittadini.  Quando parla di assicurazioni e assicuratori facendo riferimento a truffe si sciacqui la bocca. Faccio l' assicuratore e sono stato pluripremiato per onestà e rettitudine nel lavoro ".

E' un fiume in piena Lo Sapio: " Ha offeso anche un concittadino impegnato in politica
chiamandolo fascistello e colpendolo sullo stato di salute. Lei non ammette la democrazia".

Lo Sapio dice basta anche per il sistematico attacco alla stampa non allineata. Il presidente del Consiglio comunale Vito Lombardi lo interrompe continuamente anche quando sta ricordando a tutti la figura di Sandro Pertini e del suo rispetto per gli avversari dando una lezione di libertà nel rispetto delle reciproche differenze.

Passa la parola al sindaco Antonio Carpino.
" Il consigliere Lo Sapio sta facendo lo show. Ha il pubblico .Vi chiedo scusa. Per le assicurazioni non mi riferivo a lui".

Altri affondi all' esecutivo arrivano dai  consiglieri Michele Cerciello e Filomena Iovine sui debiti fuori bilancio.
All’ordine del giorno del Consiglio comunale di ieri sera vi era un punto molto importante per le casse comunali con forte ripercussione  sulle tasche dei cittadini: il riconoscimento di oltre 200.000 euro di debiti fuori bilancio per effetto della mancata ratifica in consiglio comunale di due variazioni di bilancio del 2019 di circa 1 milione di euro.

Lo fa notare la consigliere Filomena  Iovine. " Per un bilancio comunale sembrerebbe poca cosa.. ma non è così". 

"L’assessore - afferma Iovine - ha dichiarato che sono state estrapolate dalle due variazioni quelle somme che non hanno prodotto effetto, cioè che  non sono state usate per  appaltare gare  o acquistare beni ;
Da tale ragionamento si desume  che delle due variazioni di bilancio di circa 1 milione di euro l’Ente ne ha effettivamente  spesi solo 200.000; ma non è così".

Mena Iovine precisa che  voleva  chiedere spiegazioni all’assessore ilquale, però,  si e'  arrabbiato ed e' andato via.  Con lui si sono allontanati  anche i revisori dei conti.

"Non sono arrivate risposte ai nostri interventi ;
non ci è stato spiegato  perché - afferma Iovine-   non hanno portato  in consiglio le due variazioni per l’approvazione, perché non sono state portate le somme dell’appalto della nettezza urbana  come debito fuori bilancio né ci hanno spiegato perché, nonostante la Legge sia chiara in merito". 

Tra i debiti  anche l’utile delle imprese coinvolte addebitando alle tasche dei cittadini i costi del danno prodotto da chi ha sbagliato le procedure. 

Incalza la Iovine :" I consiglieri di maggioranza  sono stati zitti in attesa solo della votazione e in sala sono scomparsi  assessore e  revisori dei conti'.

La questione viene sollevata dal consigliere comunale Michele Cerciello.
In un momento buio della politica mariglianese, tra invettive, minacce di ritorsione, attacchi personali la Iovine dice che non vede più spazio per  chi come lei vorrebbe solo discutere dei bisogni del paese, con una dialettica sana e propositiva e senza la paura di ritorsioni".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore