Parte da Marigliano la rivolta delle Partite Iva

Anita Capasso

Il presidente di Orgoglio Partite Iva Fabiano Esposito: "'Non ci facciamo strozzare!". --- FOTO ---

MARIGLIANO - Parte da Marigliano  il grido di protesta dell’Associazione  Orgoglio Partite Iva per sbloccare l' economia e per far partire il commercio. Il popolo delle piccole e medie imprese rivendica il proprio diritto ad esistere. Marigliano  è capofila  nella vertenza che intende fare rispettare il diritto al lavoro e alla libertà d' impresa, sancito dalla carta costituzionale.

A capo dell' iniziativa c’è  Fabiano Esposito, coordinatore regionale del movimento “Orgoglio Partite Iva” che si sta estendo a macchia d' olio.  L' intento è  di spingere l' acceleratore nel breve periodo per  la riattivazione di tutti gli esercizi commerciali e delle  professioni.  Le priorità sono:

1) risarcimento danni reali cagionati dal blocco lavorativo indotto.

2) indagine sulla validità delle autocertificazioni e relative limitazioni della liberta personale. (art. 16 ecc.) .

3) azzeramento debiti pregressi con agenzia delle Entrate- Riscossioni .

4) fiscalità di vantaggio.

5) Nuova riforma per fallimenti. Stop alla moltiplicazione dei debiti che rendono impossibile il pagamento. Stop Pignoramenti sulla prima casa.

6) Innalzamento del limite  attuale dei contanti a 5.000,00 Euro e abolizione dell’obbligo dell’uso del Pos.

7)Cancellazione dal GRIF per ogni soggetto che abbia documentato il perché del numero delle rate inevase, e cancellazione dal circuito bancario delle  pregresse segnalazioni al GRIF per  rate saldate o chiuse a saldo e straccio.

8)Eliminazione acconti Iva.

9)Eliminazione degli studi di settore, ISA  con determinazione del reddito analitico.

10) La merce non venduta dai negozi di abbigliamento e simili (magazzino) non può essere considerata per l’anno successivo come anticipo tasse anche per chi ha contabilità ordinaria.

Queste sono solo alcune priorità per permettere alle PARTITE IVA di ripartire dopo lo stop delle attività indotto dal Governo.

" Regione e Comune - afferma Fabiano Esposito-  hanno una responsabilità oggettiva nei  fallimenti    delle nostre imprese che hanno chiuso. Colpa di un sistema consolidato che usa le partite iva come bancomat e delle scelte di un governo a ogni livello, compreso quello  locale miope".

Un sistema - incalzano - forte con i deboli e debole con i forti, che  priva le partite iva di ogni diritto e calpesta  ogni giorno la  loro dignità, compresa quella del soggetto giuridico che le rappresenta

La PROTESTA.
Per queste tematiche attuali e per quelle pregresse, lunedì 4 maggio 2020 nel rispetto della Carta Costituzionale e in ottemperanza alle vigenti leggi. I soggetti giuridici Partite Iva  iscritti all'associazione insceneranno   una protesta silenziosa davanti alle proprie attività rivendicando  il diritto ad esistere.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>


Galleria



Articoli correlati



Altro da questo autore



Fratelli Pentella
test 300x250
In Evidenza
test 300x250