Sale a 13 il numero di casi di Coronavirus a Somma Vesuviana.

Anita Capasso

SOMMA VESUVIANA  - Sale a 13 il numero di casi di Coronavirus a Somma Vesuviana. Il sindaco Di Sarno :"

Siamo in emergenza Nazionale – Parte a Somma Vesuviana un' iniziativa di solidarietà . . Ognuno potrà lasciare un prodotto alimentare acquistato nel carrello all’ingresso dei supermercati Decò e Conad. La Croce Rossa lo donerà alle famiglie costrette alla povertà a causa del Covid 19"”. Si chiama ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​

UnOndataDiSolidarietà l' iniziativa e  parte come onda forte da Somma Vesuviana ed e' sostenuta  dal  Comune . Un’onda che possa salvare decine e decine di famiglie che ora sono piombate in piena povertà. Aiutiamoci, siamo tutti una grande catena virtuale a distanza ma umana, fatta di carne ed ossa ma soprattutto sentimento.  L' iniziativa e' ideata da OndaBianca con Croce Rossa, Protezione Civile e alcune catene di supermercati. Si potrà fare la spesa per due. All’ingresso dei supermercati ci sarà un carrello ed ognuno di noi potrà lasciare un prodotto per gli altri. Rispondiamo, Somma Vesuviana c’è! Ci fa piacere che è stato percepito lo spirito di tale progetto, infatti l’obiettivo è proprio quello di unire le forze e collaborare sinergicamente con chiunque voglia dare un contributo. Partendo da tale progetto stiamo dando vita ad un tavolo tecnico con Croce Rossa, Protezione Civile, Arci e tutte le associazioni del territorio intenzionate a mettere in campo una catena di volontari.
Intanto i casi di Coronavirus a Somma Vesuviana sono 13, ben 10 in piu’ in una settimana. "Inoltre -afferma il sindaco - abbiamo molte persone in sorveglianza fiduciaria domiciliare. Oggi e' arrivata la  Polizia Provinciale ed inoltre ho chiesto l’intervento dell’Esercito a supporto delle Forze dell’Ordine per il rispetto delle norme di distanziamento”. ​ Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana nel napoletano chiarisce'

“Ben tre volte a Settimana i volontari della Protezione Civile e della Croce Rossa Italiana passeranno a ritirare il carrello dove ognuno potrà lasciare un prodotto e quei prodotti andranno, attraverso un apposito elenco di famiglie – ha dichiarato Antonio Polise, socio fondatore di Onda Bianca - a quanti in questo momento di emergenza sanitaria nazionale non possono lavorare e dunque alle loro famiglie in necessità importante. Rispondiamo tutti insieme e tutti insieme riusciremo a fare una grande spesa soprattutto ricca di azioni umane. Ora è il momento ​ di esserci per tutti. Tutto questo sarà possibile presso i punti vendita Decò ​ e Conad di Somma Vesuviana, ma l’iniziativa è aperta a tutti i supermercati che vorranno aderire. Noi ci siamo! L’iniziativa “un ondata di solidarietà sta riscuotendo un notevole successo, a tal proposito noi volontari di Onda Bianca abbiamo dato la nostra totale disponibilità all’Amministrazione Comunale nell’andare a ritirare i beni dai supermercati e prepararli affinché siano poi solo consegnato alle famiglie”. ​ Gli altri soci fondatori di Onda Bianca sono: Luigi Coppola, Carmen Liguori, Tommaso Busiello..

“Negli ultimi 5 giorni – ha affermato Vincenzo Panico, Referente della Croce Rossa sezione di Somma Vesuviana (NA) – abbiamo effettuato ben 53 interventi a domicilio di cui 20 presso famiglie che chiedevano il ritiro della spesa, 27 che invece hanno chiesto che andassimo a ritirare per loro i farmaci e 6 famiglie che hanno richiesto il nostro intervento sia per farmaci che per la spesa. Ricordo che tutti possono chiamarci al numero di tel 331 233 9074 al quale risponderà un nostro operatore. Verremo a casa a ritirare la lista della spesa e dei farmaci, ovviamente acquistata, ci recheremo al supermercato per conto delle famiglie e consegneremo la spesa a domicilio. Oltre ai 53 interventi di cui sopra, abbiamo sempre in questi ultimi 5 giorni, effettuato altri 40 interventi presso famiglie bisognose consegnando loro gli alimenti della Comunità Europea. In quest’ultimo caso facciamo riferimento alla graduatoria presso i Servizi Sociali”. ​ ​ ​ ​

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore