Scovati due rapinatori seriali: in manette un 36enne e un 37enne

Redazione

SECONDIGLIANO - I due si muovevano a bordo di uno scooter rubato: avvicinavano le vittime e poi le minacciavano con un coltello o con una pistola per farsi consegnare solitamente soldi e telefonino.

 Si tratta di Antonio Rianna, 36 anni,  e Antonio Mascitelli, 37 anni, entrambi di Secondigliano, ritenuti responsabili di quattro rapine aggravate.

I due malviventi hanno commesso i “colpi” sempre sotto la minaccia di armi e tutti ad aprile, a Casoria, Marano Di Napoli ed Arzano.

Mascitelli è accusato di una rapina a un automobilista che costretto a fermarsi e a consegnare portafoglio e telefono cellulare.

Rianna è accusato di aver rapinato il portafoglio ed il cellulare ad una donna che stava passeggiando lungo una via centrale di Marano.

in concorso, invece, avrebbero commesso altre due rapine: la prima ai danni di una coppietta a cui hanno sottratto sempre telefonini e contante, la seconda nei confronti di un motociclista a cui hanno rapinato lo scooter e il portafogli.

 Le indagini sono state svolte dai carabinieri della stazione di Grumo Nevano che nell’aprile scorso sono riusciti ad arrestare i 2 in flagranza.  Dopo averli inseguiti li hanno arrestati per resistenza e porto abusivo di armi: si aggiravano per la città armati probabilmente per commettere una rapina.

 

I dati acquisiti dai carabinieri con quell’arresto sono stati fondamentali: incrociandoli con i dettagli presi dalle telecamere infatti i militari hanno attribuito loro anche le altre rapine. Alcune vittime per giunta hanno anche riconosciuto i due come coloro che li avevano minacciati.

Foto di archivio

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Napoli Club Marigliano
test 300x250
In Evidenza
test 300x250