Marigliano, Su con il Murales: progetto finanziato dalla Citta' Metropolitana

Redazione

MARIGLIANO - C’è anche il mariglianese “Su con il Murales”, in collaborazione con INWARD - Osservatorio Nazionale sulla Creatività Urbana, tra i progetti che la Città Metropolitana di Napoli ha finanziato ieri, con una determinazione che approva l’elenco di quelli ammessi a finanziamento che hanno totalizzato un punteggio uguale o superiore a 50 punti e di conseguenza conclude l’iter dell’avviso pubblico per la promozione di progetti culturali che concorrono allo sviluppo dell’area metropolitana da realizzare in collaborazione con i comuni attraverso l’attribuzione di risorse economiche.

Ben 55.000,00 euro (questo il range economico per i comuni fino a 50mila abitanti) per il progetto promosso dal consigliere con delega a Cultura ed Eventi del Comune di Marigliano, avv. Antonella Uras, che ha raccolto 73 punti, posizionandosi nella parte alta della graduatoria. Il progetto “Su con il Murales” intende favorire la rigenerazione urbana di alcuni luoghi strategici del territorio comunale adoperando la street art, il linguaggio artistico (nato negli anni Settanta negli Stati Uniti) che sta vivendo una seconda giovinezza e viene utilizzato ovunque come strumento di riqualificazione sul quale investire per impreziosire le città, in particolare le zone più periferiche e talvolta marginali.

Su con il Murales”, al fine di generare nuovi punti di attrazione mediante la creazione di un percorso caratterizzato da nuove opere d’arte perfettamente incastonate nel tessuto urbano, urbanistico e socio-culturale, e capaci di collegare il centro alle periferie in un innovativo itinerario, prevede la realizzazione di tre opere di street artist che, a partire da dicembre 2019, verranno coinvolti per contribuire a rigenerare tre diversi luoghi della città - il Palazzetto dello Sport “Palanapolitano” in via De Vito, un edificio della cosiddetta “219” (edilizia popolare) in via Amendola, a Pontecitra, e infine il centro socioculturale (ex chalet della villa comunale) – coinvolgendo l’intera comunità nello sviluppo delle opere, spettacolarizzando la loro nascita. Fino ad aprile 2020 i lavori proseguiranno di volta in volta nelle tre location individuate, dove verranno realizzate altrettante opere scelte in perfetta sinergia con i luoghi. Infatti, a caratterizzare il Palazzetto dello Sport sarà il basket, uno sport che ha una grande storia in città, mentre a Pontecitra, anche in virtù della imminente realizzazione di un teatro comunale, finalmente potrà svilupparsi il tanto atteso omaggio della città a Leo de Berardinis, Maestro del cosiddetto “Teatro di Marigliano”. Infine, il centro socioculturale, oggi anche biblioteca e aula studio, verrà rigenerato da una coloritura a grandi fasce e cromie brillanti utile a combattere il grigiore attuale degli attuali dintorni, oltre alla realizzazione di tre icone che rappresentano tre elementi altamente identificativi di Marigliano e che verranno scelti direttamente dalla cittadinanza, interpellata ad hoc con un sondaggio.

Una volta completate le opere avrà luogo un evento finale di presentazione dei lavori ma caratterizzato anche da una jam session di artisti che, ancora una volta, contribuiranno con i loro interventi a colorare la città e ricordare il compianto Walter Molli, cui verrà presto intitolata l’area mercato. Inoltre, lungo tutto l’arco dei lavori, da dicembre 2019 ad aprile 2020, il Liceo “C. Colombo”, grazie all’impegno degli studenti del suo indirizzo artistico, contribuirà all’iniziativa con un percorso didattico volto alla creazione di opere di street art che formeranno un percorso d’arte guidato nel suggestivo centro storico.

Per la buona riuscita del progetto, in tutte le sue fasi, si ringraziano INWARD - Osservatorio Nazionale sulla Creatività Urbana, la Città Metropolitana di Napoli e in particolare il consigliere Giuseppe Jossa e l’Ufficio Cultura del Comune di Marigliano.

Comunicato

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore