Brusciano, il benessere è nel parco della vita

Anita Capasso

BRUSCIANO -  1500 piante e 3 ettari di terreno  sono i numeri del parco della vita, nato in una zona dove  intorno c’è degrado e abbandono di rifiuti. I soliti incivili che   non hanno rispetto per il paesaggio e la salute pubblica trasformano le campagne in pattumiera.  

Un gruppo di sognatori, però, armato di pazienza con  olio di gomito si è dato da fare per restituire decoro e vivibilità alla ridente Campania Felix, terra di papacelle e del sogno infranto di una cooperativa agricola che si chiamava Rinascita, fallita miseramente con soci finiti sul lastrico a causa di una gestione truffaldina.

 Si unisce la Brusciano col pollice verde coinvolgendo tutta la città in questo progetto green,  che mira a ridare vivibilità alla cittadina. Sono partiti col rimuovere i rifiuti e poi hanno aperto alla città un terreno privato attrezzandolo con aree gioco e pic nic. A promuovere l’iniziativa è stato Gaetano Allocca e un gruppo di amici, tra cui  anche Antonio Sposito. Difficile nominarli tutti, il coinvolgimento è talmente tanto che si perde il numero di sostenitori.  

Ognuno sta donando essenze arboree di ogni specie, anche i fiorai si sono sensibilizzati.  Si contribuisce come meglio si può. Non mancano neanche le visite degli alunni delle scuole che sperimentano l’ebbrezza del contatto con la natura In città  gli spazi verdi  sono alla mercè di cementificatori e speculatori che vorrebbero solo costruire palazzi.  La Brusciano green non ci sta e si costituisce in associazione.

Si chiama Parco Orto Botanico & Parco della VITA. È un progetto di condivisione in cui gli arredi vengono regalati. Alcuni alberi sono stati donati da emigranti bruscianesi,  residenti all’ estero o in Italia, “.  A contribuire alla realizzazione del progetto è stato anche  l'ASI diNAPOLI...presieduta dall'Avv. Giosy Romano. Il parco, infatti, sorge in una zona industriale e a rischio sversamenti abusivi che campeggiano lungo la carreggiata.

 Foto di  Maria Cervone

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore