Brusciano, opposizione contro l'aumento dei tributi locali

Anita Capasso

BRUSCIANO - Braccio di ferro tra maggioranza e opposizione. Il giudice Carminantonio Esposito afferma:" No all'aumento delle tasse! No al pizzo!  Grazie alle forze dell'ordine!  Si alla lotta contro l'evasione!  Si all'aiuto alle famiglie disagiate".

Seduta di consiglio comunale al vetriolo.  Il gruppo consiliare Rinascimento Bruscianese    ha votato contro la Programmazione del triennio 2019-2021 presentato dalla giunta comunale.

Sotto accusa: l'aumento dei tributi locali. Il capogruppo Esposito ha sollecitato il comune a stanare gli evasori; ha invitato i commercianti a non pagare il pizzo; si è dichiarato disponibile a prestare attività gratuita nelle scuole per il recupero degli alunni bisognosi di sostegno. I motivi del voto contrario possono così sintetizzarsi:

A) INGIUSTO AUMENTO DELLA TASSA SUI RIFIUTI.

Inutilmente è stato messo in evidenza che in altri comuni della zona la pressione fiscale è più bassa e che nel comune di Pozzuoli le famiglie con Isee non superiore a 6.000 euro annui non pagano la TARI. Sarebbe stato opportuno fissare aliquote differenziate in modo da attuare una effettiva equità fiscale con doverosa tutela delle fasce deboli. Per realizzare ciò è necessario un tempestivo ed intelligente intervento per stanare quelli che non pagano.

B) SICUREZZA NEL PAESE

Brusciano è invivibile di giorno e di notte. Sono opportuni: pattugliamento del territorio comunale ad opera dell'esercizio; Il potenziamento degli impianti di videosorveglianza; La illuminazione a giorno dei luoghi in cui si spacciano sostanze stupefacenti; L'apertura presso il Comune di uno sportello antiracket a difesa dei commercianti vittime di richieste estorsive;

NESSUNO DEVE PAGARE IL PIZZO! Questo è l'invito che Esposito ha rivolto ad alta voce a tutti i Bruscianesi

C) VIOLAZIONE DEGLI IMPEGNI ASSUNTI CON LA DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 52 DEL 3/11/18. Infatti :

C1) LAVORO : non è stato stanziato nemmeno un centesimo per nessuno dei tre anni nè per lo sviluppo agricolo, nè per la formazione professionale nè per il sostegno all'occupazione. L'abbandono in cui si trova l'area del PIP allontana le imprese dal nostro territorio con conseguente riduzione dei posti di lavoro.

C2) POLITICHE SOCIALI, DIGNITÀ DELLA PERSONA E POLITCHE GIOVANILI

Non è stato stanziato nemmeno un centesimo per gli anni 2019/2020/2021 nè per gli anziani nè per le famiglie disagiate, nè per le politiche giovanili.

C3) LEGALITÀ E TRASPARENZA

Sono trascorsi 8 mesi dalla sagra dei Gigli 2018 e la Commissione comunale non ha ancora dato una risposta alla cittadinanza sui fatti accaduti lo scorso Agosto. Gli atti di illegalità e/o di prepotenza offendono S.Antonio che si venera con la bontà e con la fratellanza, non con l'illegalità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Angelo Bruscino
test 300x250
In Evidenza
test 300x250