Marigliano,esonda il lagno: Faibano travolta dall'acqua

Redazione

MARIGLIANO  - Esonda il lagno del Carmine.  La frazione Fabiano è stata travolta da acqua, detriti e lastre di ghiaccio galleggianti  che hanno messo in ginocchio l'intera zona di via Maestra.   L'indice è contro  la mancata pulizia   del canale del Carmine , appunto, di competenza della Regione Campania che  è  esondato allagando strade e campi, entrando nei locali posti al piano terra degli edifici.

 Via Maestra nel cuore della cittadina sembrava un fiume in piena. A peggiorare la situazione anche i grossi lastroni di ghiaccio formatosi con la forte grandinata. I rifiuti e i detriti.  A non riuscire a contenere le acque  sono stati anche gli altri affluenti come il Lagno Casaferro, il Lagnuolo Vecchio di proprietà comunale e della Città Metropolitana.

La gente del posto non ci sta: “Nessuno fa nulla per la manutenzione dei canali che esondano alla prima pioggia. Siamo stati abbandonati dagli enti preposti " , commenta Giuseppe Calabria.

Il governo Conte chiede di  accelerare i lavori con i circa 300 mila  euro, messi a disposizione dal Ministero dell'Ambiente 7 anni fa  per l’alveo San Vito che  rappresenta infatti una vera e propria bomba per i livelli di ostruzione.

 Si teme per le esondazioni che potrebbero coinvolgere la popolosa frazione di Lausdomini. Il torrente San Vito scorre, infatti, in una sezione tombata al di sotto  di via Pontecitra e via Isonzo, per riuscire poi all’aria aperta a Lausdomini in località Masseria Signora.

Proprio qui gli esperti hanno osservato tutto il pericolosissimo materiale che l’acqua ha trascinato dal Monte Somma con la sua forza. Alla prima pioggia più consistente l’acqua che giunge nella strettoia del torrente tombato, potrebbe esplodere, investendo case e persone.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore