Castello di Cisterna, reati ambientali e furto di energia elettrica: tre denunciati

Redazione

Cinque cani di razza meticcia privi del prescritto microchip, il proprietario multato di 750 Euro circa. --- FOTO ---

CASTELLO DI CISTERNA - Rubano energia elettrica, adibiscono un' auto carrozzeria abusiva a discarica di pezzi d'auto, pneumatici, secchi di  vernici. Il tutto su un terreno dove vi erano anche 5 cani senza microchip.  Sanzioni per 6 mila euro. Denunciate tre persone. Accade a Castello di Cisterna in via Sandro Pertini,  dove i carabinieri forestali intervengono insieme alla Lipu  per la segnalazione di cani maltrattati. Scoprono, invece, dei reati ambientali molto gravi.

La strada è quella dietro l'Hotel Quadrifoglio. I carabinieri arrivano sul posto: trovano tre box in lamiere, chiusi con garage.  E' all'incirca mezzogiorno quando la forestale fa irruzione nell'area che si trova poco dopo la stazione di Castello di Cisterna, nei pressi delle palazzine di Brusciano,  dove vi sono altri posti di blocco per contrastare il fenomeno criminale che tanto sta mettendo in cattiva luce la città.

Nel corso del blitz i militari della forestale di Marigliano, coordinati dal comandante Alessandro Cavallo,  scoprono   due aree distinte e separate chiuse da lamiere e da cancello, pertanto fanno  intervenire sul posto anche il  personale della Polizia Locale di Castello di Cisterna e dell’Ufficio Tecnico dello stesso Comune.

All ’interno della carrozzeria, vi era un capannone in lamiera, con rifiuti depositati in maniera non omogenea su suolo ed esposti alle intemperie: parti meccaniche di veicoli, cambi, plastiche, imballaggi vari, motori, imballaggi di vernici e radiatori di auto.  Accertamenti esperiti nell’immediatezza hanno permesso di identificare il gestore dell’ area, un uomo di 48 anni di Napoli, noto alle forze dell’ordine

 L’area è stata posta  sotto sequestro e l’uomo deferito in stato di libertà per gestione illecita dei rifiuti, abbandono dei rifiuti, miscelazione dei rifiuti ed inquinamento ambientale. Sono stati sequestrati i macchinari mentre il 48enne è stato multato di 5000 euro per lo svolgimento dell’attività di autocarrozzeria senza alcun tipo di autorizzazione.

Nel   deposito di motocicli, invece,  sul suolo erano presenti di diversi motocicli, in parte smontanti e altre parti meccaniche, plastiche e una enorme quantità di pneumatici, il tutto esposto alle intemperie.

 Il gestore dell’area era  un uomo di 54 anni di Brusciano, un meccanico che utilizzava l’area come deposito abusivo: è stato denunciato in stato di libertà per gestione illecita dei rifiuti, abbandono dei rifiuti, miscelazione dei rifiuti ed inquinamento ambientale e l’area  sequestrata.

 Peraltro continuando i controlli i miliari hanno scoperto che sia  l'officina e che  il deposito erano collegati a una cabina elettrica sita accanto ad una abitazione distante circa 200 metri dalle attività abusive

 Una squadra dell'Enel, fatta intervenire,  ha  provveduto a staccare i fili. Il titolare della carrozzeria abusiva e il proprietario dell’abitazione, un uomo di 73 anni di Castello di Cisterna, durante il controllo, tentava inutilmente di staccare i cavi utilizzati per l’abuso: sono stati denunciati anche per  furto aggravato di energia.  Sono stati  sequestrati, inoltre, tutti i cavi di circa 200 metri, utilizzati per commettere il reato.

 

 

 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>


Galleria



Articoli correlati



Altro da questo autore