Perse la vita mettendo una bomba: arrestata la compagna

Redazione

NAPOLI - SAN GIOVANNI A TEDUCCIO - La sera del 22 dicembre 2017 in via Ferrante Imparato, a San Giovanni a Teduccio, due persone in sella a uno scooter si stavano piazzando una bomba vicino al cancello d’ingresso di un condominio.

 

L’ordigno era un “messaggio” del clan “Mazzarella” rivolto ai “Rinaldi”. La bomba esplose quasi nelle mani dell’uomo che la stava piazzando, perdendo la vita.

La compagna, che lo aspettava poco distante, fu anch’ella investita dall’esplosione , ma si salvò. Oggi su richiesta della locale D.D.A.  è stata arrestata la donna: è ritenuta responsabile della detenzione e dell’esplosione dell’ordigno, risultato costruito artigianalmente e  dell’omicidio colposo aggravato da finalità e metodo mafiosi del suo complice.

Foto di archivio

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore