Marigliano, area irrespirabile

Anita Capasso

MARIGLIANO - Area irrespirabile nei comuni a nord di Napoli. Si faccia un' indagine sulla qualità dell' aria respirata. Da dove provengono queste immissioni acri che tolgono il respiro e che causano attacchi d'asma, soprattutto ai più piccini?

L'allarme è scattato a Marigliano e Mariglianella, dove si  chiede di avviare un monitoraggio serio volto a rilevare gli inquinanti sprigionati esternamente. Si chiede di censire anche i camini  Cosa viene bruciato?  Spesso si sente puzza di fumo mista a plastiche e vernici. Un mix micidiale per chi ha problemi di respirazione.

La popolazione è seriamente preoccupata e chiede di intervenire al più presto per bloccare queste fonti altamente inquinanti per la salute.  Siamo nel cuore della terra dei fuochi e a un tiro di schioppo da Pomigliano e San Vitaliano, dove i picchi di sforamento di inquinanti nell'aria hanno superato i livelli guardia.

Alcune famiglie, i cui figli hanno patologie respiratorie allontanandoli da qui hanno notato dei miglioramenti, ma poi al rientro le crisi asmatiche sono ritornate e più intense che mai.

Ieri mattina, verso le 11:00, in entrambi i comuni e più precisamente in via Golino e via San Marcellino è stata avvertita una puzza di combustione maleodorante  che generava tosse e bruciore di stomaco. Di che si tratta? Che si respira?

Foto di archivio

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Anita Capasso >>




Articoli correlati



Altro da questo autore