Marigliano, le critiche non piacciono all'Amministrazione comunale

Vito Lombardi

MARIGLIANO – In un incredibile post sulla pagina  ufficiale di un Assessorato si scrive: ... Una testata giornalistica locale, da tempo impegnata nella sua attività di opposizione all'attuale amministrazione, ha confezionato un articolo ad hoc per mettere in cattiva luce l'impegno e l'abnegazione dei Vigili impegnati domenica mattina in piazza Municipio perché, udite udite, avrebbero multato un'auto parcheggiata sulle strisce dedicate al parcheggio delle moto.

Noi, invece, andiamo fieri dei risultati raggiunti dal corpo di Polizia Municipale negli ultimi tempi, dell'impegno che i Vigili stanno profondendo nel sanzionare i trasgressori, degli obiettivi che il comandante Nacar si è prefisso e, crediamo, che solo così la nostra città potrà riacquistare la vivibilità che per troppo tempo è mancata”.

Non sappiamo chi abbia scritto questa enorme sciocchezza, partendo da un episodio denunciatoci, ma lo dobbiamo contraddire.

 È come se noi in quell’articolo, invece,  di fare  solo il nostro dovere di cronaca, dando voce ai cittadini,  avessimo attaccato la Polizia Municipale.

È di pubblico dominio,  che siamo da sempre solidali con la maggior parte dei Vigili Urbani, che riteniamo da anni molto al di sotto del numero necessario,  per essere efficienti  in tutte le  loro varie attività, mentre siamo stati sempre molto critici con la politica,  che con la sua incapacità amministrativa li ha sempre resi  deboli, esponendoli alle critiche dei cittadini.

MARIGLIANO.net sarebbe la testata giornalistica locale, che “da tempo è impegnata nella sua attività di opposizione all’attuale amministrazione”.  Una stupidata tanto grossa quanto incredibile, smentita da fatti e articoli.

In verità non è la prima volta che ci capita di leggere queste sconcezze, da parte di una politica presuntuosa e intollerante, che usa la  parola non  per farsi domande, ma per  offendere. Che si nega, che intimorisce chi non è  allineato. Quella politica,  prima ossequiosa, ma che una volta al potere si crede al di sopra della legge,  delle opinioni della gente e delle critiche.  Che cerca in tutti i modi , leciti e illeciti, di diffamarti.

Successe la stessa cosa con la passata amministrazione di centro destra. Sta succedendo con questa,  che dovrebbe essere di centro sinistra. Questo vuol dire una sola cosa, che,  al di là del colore politico, la classe politica mariglianese è malata. Che ama solo un’informazione accondiscendente e serva.  Una politica che appena eletta smette di essere popolo e diventa sopraffazione, presuntuosa e insolente, che invece di rispondere con garbo alle critiche dei cittadini,   s’incattivisce  e offende.

 Per attaccare il giornale è stato preso a pretesto un articolo in cui c’è, badate bene, (o dobbiamo dire udite  udite?) una dichiarazione virgolettata di una professoressa, in cui non c’è nessuna offesa,  ma solo una garbata critica,  per sferrare un attacco istituzionale, usando i mezzi che anche noi del giornale finanziamo con le nostre tasse. Non è la prima volta che ci accusano. È successo anche un’altra volta su una dichiarazione, anche questa virgolettata,  dei carabinieri di Marigliano. un assurdo senza precedenti, che abbiamo volutamente ignorato.  Ma quando è troppo è troppo.

 Noi in questi casi cosa dobbiamo fare,  censurare per far un piacere all’assessore al ramo, che invece di fare appieno il suo lavoro perde tempo a scrivere sciocchezze sui social? Oppure  telefonare al politico di turno, che, a seconda se gli conviene, si nega oppure no al telefono, prima di pubblicare un articolo?

E quindi sentenzia: “ Marigliano.net  è da tempo impegnata nella sua attività di opposizione all'attuale Amministrazione”.  Senza porsi il minimo dubbio.  Senza porre un punto interrogativo al pensiero. Con una certezza disarmante, che lo classifica.

 Ci dispiace ribadirlo,  per l’ennesima volta:” Noi non siamo all’opposizione dell’ Amministrazione comunale”.

Noi siamo, semplicemente, liberi di pubblicare le lamentele dei cittadini. Anche contro   questa  Amministrazione. Come siamo stati liberi di pubblicare  le lamentele contro l’Amministrazione precedente.

 Questi sono solo una minima parte di articoli pubblicati  :

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=1&sr_id=26&ar_id=55815

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=1&sr_id=26&ar_id=56025

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=0&sr_id=26&ar_id=55937

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=1&sr_id=27&ar_id=55960

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=1&sr_id=26&ar_id=55936

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=1&sr_id=26&ar_id=55673

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=1&sr_id=25&ar_id=55744

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=1&sr_id=26&ar_id=55995

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=1&sr_id=26&ar_id=56041

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=0&sr_id=26&ar_id=56109

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=0&sr_id=27&ar_id=56111

 https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=0&sr_id=25&ar_id=56147

 

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=0&sr_id=26&ar_id=56182

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=0&sr_id=26&ar_id=56185

https://www.marigliano.net/articolo.php?ru_id=1&sr_id=26&ar_id=56265


Dopo averli letti,  questi articoli, che sanno veramente “di pura opposizione”,  pubblicati “contro” l’Amministrazione comunale, immaginiamo che la persona che ha lumeggiato quelle parole,  senta la puzza delle stupidate scritte.

Ma se proprio dobbiamo fare un'opposizione a  questa Amministrazione,  allora dobbiamo scrivere centinaia di articoli sul palazzo costruito sulle ceneri di Palazzo Attena,  che nonostante   un ordine di abbattimento, tra ricorsi al TAR  e silenzi urlanti,  senza nessun tipo di controllo,   tutt’oggi  è in piena attività.

Mentre al contrario  per un balconcino,  in  via Caliendo al numero 90 , sono arrivati  giornalisti, televisioni nazionali, vigili,  nuovo  comandante e carabinieri, sequestrando il cantiere sotto le luci della ribalta, imbarazzando una famiglia che ha fatto del duro lavoro nei campi e dell’onestà la sua ragione di vita. Dissequestrandolo quasi tutto (senza il balconcino) senza pudore,  quando le luci  si sono spente.

Lausdomini, a causa dei servi dei regimi politici, che controllano l’informazione nazionale, come  Mariglianella,  era diventato l’ombelico del mondo. Mancavano solo i carri armati e l’Esercito in via Caliendo al numero 90 ,  per un balconcino difforme. Perché in quella piccola ristrutturazione a fare il tecnico era la sorella del ministro del Lavoro Luigi Di Maio.  Questa è l’informazione che auspica il signore dell’Assessorato in causa?

Si pensasse, inoltre,  al  parcheggio in città. Che è vergognoso,  così com’è strutturato, nelle intenzioni e nei suoi numeri a terra.  Per aver un’idea di un parcheggio vero e civile,  fatevi  una passeggiata a Pomigliano D’Arco. Andate   nel parcheggio della stazione e dopo cinque minuti uscite. Vi accorgereste che il piano utilizzato a Marigliano per “civilizzare”  i mariglianesi , come ha scritto qualcuno, è peggiore del male. E che la strada per avere una città civile  è ancora tortuosa e lunga.

 Chiariamo bene. Le critiche e gli attacchi della politica di turno non ci fanno piacere, ma ci onorano. Ci danno forza. Ci danno la certezza della nostra neutralità. Se quelli di centrodestra ci criticano e ci denunciano, se quelli di centrosinistra insultano, ci denunciano, ci snobbano e poi ci criticano, se tutti ci osteggiano, allora vuol dire che siamo sulla buona strada per rendere al cittadino una discreta informazione, magari manchevole  in qualche sfumatura, ma onesta e libera.

 A margine di questo articolo, concludendo, a proposito del parcheggio in città,  dobbiamo informare i cittadini che il nuovo comandante della Polizia Municipale Emiliano Nacar, ci ha rassicurati che da domani, venerdì, saranno ripristinati i numeri degli stalli e che è allo studio,  come suggerito dalla maggior parte dei cittadini mariglianesi da mesi, con le persone  interessate, la possibilità di sostituirli con il numero di targa delle auto, mettendo fine a quell’odioso balzello di dover pagare ogni volta che ci si sposta di 50 metri.

Mentre per l’episodio della professoressa, che ha scatenato questa diatriba,  questa è la loro versione dei fatti,  che l’assessore avrebbe potuto inviare come chiarimento, se non era troppo disdicevole e normale,  invece di prendere lo spunto per attaccarci:
“Poco dopo le ore 8 del 16 dicembre scorso, al fine di scaricare la merce per i mercatini previsti in mattinata in Piazza Municipio, la concittadina protagonista della vicenda sostava sugli stalli bianchi destinati ai motocicli. Subito uno dei due agenti in servizio le faceva notare il divieto e la invitava, con assoluto buonsenso, a fermarsi esclusivamente per il breve tempo dello scarico e/o parcheggiare temporaneamente nella via alle spalle dell'ex Pretura (oggi sede del Giudice di Pace), come ogni domenica libera dalle auto dei dipendenti comunali. Circa due ore dopo, un altro agente in servizio, nel frattempo impegnato nell'ordinaria amministrazione lungo le strade, si accorgeva della stessa automobile ancora in sosta vietata e comminava una multa alla signora. Inoltre, il comandante della Polizia Municipale, Emiliano Nacar, informa di aver inviato alla Procura gli atti relativi ai commenti diffamatori e minacciosi apparsi al momento della pubblicazione dell'articolo sui social, dando seguito a quanto annunciato nei mesi scorsi”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Vito Lombardi >>




Articoli correlati



Altro da questo autore