Marigliano, nel ricordo di Carmelina Sena.

Redazione

Il Signore ha preparato per te grandi cose.

MARIGLIANO - Una persona importante è qualcosa di prezioso, ma una persona che viene riconosciuta tale da un’intera comunità è qualcosa di inestimabile e, quando la si perde, diviene col tempo uno dei più cari ricordi di una città che è cresciuta anche grazie ai suoi meriti.

A cura dell'Azione Cattolica di Marigliano.

Ad un anno dalla sua perdita, la signorina Sena è ricordata dalla cittadinanza di Marigliano con forte stima e affetto, sentimenti vivi anche in quei giovani che l’hanno conosciuta attraverso i racconti dei propri genitori e nonni.

Come ogni domenica sera, anche durante quella del 2 dicembre ’18, è stata celebrata la messa nella chiesa della Collegiata, animata questa volta non solo dall’incontro col Signore ma da tutti quei fedeli, amici, parenti che si sono riunti nell’amore cristiano e fraterno che la signorina Carmelina sapeva vivere a pieno, per meglio ricordarla.

Con l’affettuosa guida di Don Lino, la chiesa ha sentito ancora vicina la compagnia della ormai defunta avviandosi a vivere un secondo momento interamente dedicato a lei ed organizzato dall’Azione Cattolica. Una prima parte di ringraziamenti e presentazione ha introdotto il racconto di Carmelina Sena, avvenuto attraverso la lettura di stralci tratti dall’opuscolo redatto dall’AC parrocchiale e la proiezione di fotografie.

Le persone erano tutte attente a portare il segno su quel libretto dato loro per seguire la lettura, a guardare le immagini e riconoscere attimi di vita cittadina di cui magari si è stati protagonisti o di cui si è tanto sentito parlare... Tutti erano tanto attenti al racconto di un tempo caro, quello legato al ricordo della signorina che ha saputo amare ed essere amata.

Ricordiamo la sua figura prima di tutto come quella di una donna emancipata, laureata in Lettere in un’epoca in cui lo studio universitario non era esperienza concessa a tutti. La ricordiamo come insegnante e catechista, impegni attraverso i quali è stata capace di condividere la sua cultura e di educare diverse generazioni di alunni. E come possiamo dimenticare la sua partecipazione attiva alla vita della parrocchia, soprattutto attraverso l’Azione Cattolica, associazione nella quale ha ricoperto diversi ruoli, sempre incentrati sulla cura della persona, la cura del prossimo.  

Le sue qualità di scrittrice, lettrice; la disponibilità, il servizio, la generosità… tutto quello che l’ha resa semplicemente “la signorina Sena”, una donna che ha saputo donare al prossimo le sue conquiste, una donna capace di rimanere nel cuore di chi l’ha incontrata. 

Per questi motivi la città di Marigliano ha il desiderio di conservare e custodire il suo ricordo. Proprio per questo, come conclusione della serata, il sentito riconoscimento della comunità è stato quello di intitolare a lei l’Azione Cattolica di Santa Maria delle Grazie, ribadendo il motto “preghiera, azione, sacrificio e studio” in merito alla sua persona. Nonostante la forte malinconia che accompagna sempre questi ricordi, la serata ricca di emozioni si è conclusa con un momento di gioia, grazie all’amore, il coraggio e la serenità che la signorina ha saputo trasmettere ancora una volta alla sua gente pur essendo “lontana”. 

Chiara Devastato.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Fratelli Pentella
test 300x250
In Evidenza
test 300x250