Pomigliano: smaltiti 100 tonnellate di rifiuti speciali pericolosi.

Redazione

POMIGLIANO D’ ARCO -  Il 24 novembre 2015, gli uomini della Polizia Provinciale di Nola, comandati dal ten. Andrea Valente, sequestravano dei locali di circa 800 mq., sottostanti un fabbricato per civili abitazioni di 4 piani, in località Ponte di Pomigliano d’Arco, dove erano stipati un grosso quantitativo di rifiuti tossici pericolosi, tra i quali pitture, vernici, solventi, sigillanti, gas nocivi per la salute.

Questa  situazione di notevole degrado ambientale è stato oggetto, il 22 dicembre 2015, di una interrogazione parlamentale dell’ on. Luigi Di Maio all’allora ministro dell’ Ambiente. 

In data 6 novembre 2018 il Comune di Pomigliano D’ Arco, in danno alla proprietaria dell’ immobile, ha provveduto a rimuovere circa 100 tonnellate di detti rifiuti, una vera bomba ecologica e ambientale che avrebbe potuto causare ingenti danni, sia strutturali che ambientali. 

La Polizia Provinciale si conferma essere una polizia vicina alle persone e al territorio per assolvere a tutti i compiti previsti dalla legge e dai regolamenti, con particolare riguardo alle norme concernenti la tutela ambientale, la circolazione stradale, l’edilizia e l’urbanistica, la disciplina igienico–sanitaria, la vigilanza ittico-venatoria, la tutela della fauna e della flora.

 

Ecco come si presentava il luogo al momento del sequestro

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



Farmacia dottor Luciano Vincenzo
test 300x250
In Evidenza
test 300x250