Nola, in manette tre persone per furto di carte d'identita'

Redazione

NOLA  - Le indagini sono cominciate dopo il furto di un centinaio di carte d'identità in bianco, nel maggio 2017 nel  Comune di Nola.

 Attraverso l'acquisizione e la visione di numerosi filmati delle telecamere pubbliche e private,  localizzate lungo tutte le possibili vie di fuga dei responsabili, l'analisi di tabulati telefonici, l'attività tecnica e i servizi di osservazione e pedinamento, i carabinieri di Nola sono arrivati ai responsabili.

Si tratta di  Elena Casaburi (classe ’76), posta agli arresti domiciliari ,e dei fratelli Antonio e Rosario Criscuolo (classe ‘78 e ‘72)  agli arresti. Gli indagati sono ritenuti responsabili a vario titolo e in concorso di furto e di tentato furto aggravato di carte d'identità in bianco ai danni di vari enti comunali.

Dopo le indagini  si è delineato un grave, concordante ed univoco quadro indiziario a carico delle persone indagate, sia in relazione al furto al Comune di Nola, che in relazione ad altri effettuati nei Comuni di San Giuseppe Vesuviano, Teverola (CE) e Marano di Napoli.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore