Lavora nell'officina chiusa per reati ambientali: nei guai meccanico

Redazione

POGGIOMARINO -  I carabinieri della stazione forestale di Roccarainola hanno arrestato a Poggiomarino V. P., un meccanico 61enne, che si è reso responsabile del reato di violazione di sigilli apposti alla sua officina in via piano del Principe.

Il 2 febbraio scorso,  gli stessi carabinieri avevano eseguito il sequestro dei locali e dell’area annessa per gravi reati ambientali, tra i quali lo smaltimento degli olii esausti in una sorta di pozzo ricavato nel terreno.

Il 28 aprile, nell’eseguire una verifica, I  militari hanno constatato la violazione dei sigilli: nonostante il sequestro continuava a esercitare l’attività.

Della predetta violazione era stata informata l’autorità giudiziaria di Torre Annunziata. Ieri, come disposto dall’AG, i carabinieri si sono recati sul posto per dissequestrarlo temporaneamente e dar modo di cominciare lo smaltimento.

Sul posto hanno potuto constatare ancora una volta che Pagano continuava a lavorare. Arrestato,  è stato posto agli  arresti domiciliari in attesa di essere giudicato.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



ASM G. Menichini
test 300x250
In Evidenza
test 300x250