Paesi Vesuviani- i controlli dei NAS mettono nei guai tre attività commerciali

Ilenia Papilio

Paesi vesuviani- Dopo  una serie di controlli capillari sul territorio, condotti dai carabinieri del gruppo NAS di Napoli in collaborazione con la Compagnia di Torre del Greco e di Ercolano, sono emerse gravi irregolarità in tre esercizi commerciali locali.

Ottaviano- si è proceduto alla chiusura di due ampi locali adibiti a deposito di alimenti, siti in via Sarno, in quanto privi delle autorizzazioni amministrative previste e con gravi carenze igienico-sanitarie e strutturali.

 Presso un noto complesso ricettivo della zona, adibito ad albergo stabilimento balneare ed elioterapico, ristorante e complesso sportivo, le suddette forze dell’ordine assieme all’ispettorato del lavoro e al Nucleo Operativo Ecologico hanno sequestrato 75kg di alimenti e prodotti da forno privi di qualsiasi indicazione che ne determinasse la rintracciabilità; come se non bastasse, i rappresentanti legali dell’attività sono stati segnalati alle autorità competenti per violazioni della normativa di sicurezza sugli ambienti di lavoro.

Terzigno- i rappresentanti legali di uno stabilimento di stoccaggio, lavorazione e confezionamento di olive e affini, sito in via Zabatta, sono stati segnalati alle autorità competenti per la realizzazione e l’utilizzo di un manufatto grezzo in muratura privo del permesso di costruzione, in un’area, tra l’altro, tutelata dalla sovrintendenza dei Beni Ambientali e dall’Ente Parco Nazionale del Vesuvio.

Il gruppo dei NAS è particolarmente attivo sul territorio in questo periodo ricco di eventi per salvaguardare la salute dei cittadini e dei tanti turisti che affollano il capoluogo campano e i paesi limitrofi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Ilenia Papilio >>




Articoli correlati



Altro da questo autore