Mariglianella, Festa Mariana sulle Taverne

Nicola Riccio

Le Suore Domenicane a guidare la Processione Madonna della Sanità

MARIGLIANELLLA - A Mariglianella, nel pomeriggio di sabato 9 giugno, con la guida spirituale del Parroco, Don Ginetto De Simone, è stata svolta la Processione della “Madonna della Sanità”, che è venerata nell’antica Chiesetta delle Taverne di Mariglianella custodita dalle Suore Domenicane, le stesse che hanno accompagnato per tutto il percorso cittadino la sacra icona trasportata a spalla esclusivamente dalle devotissime donne mariglianellesi, tranne gli ultimi metri all’arrivo.

A presenziare i festeggiamenti vi era la Madre della Casa Generalizia “Santa Maria dell’Arco” di Sant’Anastasia, Suor Maria Antonietta Paola Romano che dopo 27 anni di missione in Perù, nel luglio dell’anno scorso è stata investita di questa importante funzione, accolta dalle consorelle, fra cui Suor Lucia Mamani Casani, fino a qualche anno fa a Mariglianella, ora a Pontecitra, e dalla Responsabile locale, Suor Ursula Roldan Tejada.

Prima che si avviasse il corteo religioso è giunto il Sindaco di Mariglianella, Felice Di Maiolo a portare il suo personale augurio agli organizzatori e a tutti i convenuti per poi correre a Cimitile per partecipare, in qualità di Consigliere della Città Metropolitana di Napoli, con specifica delega, alla conferenza stampa di presentazione del “Premio Cimitile 2018”.

Il passaggio della Processione in Via Parrocchia, sotto la Chiesa del Patrono di Mariglianella, San Giovanni Evangelista, è qui postato https://www.youtube.com/watch?v=vDEeU4PcP_E .

Alla Processione della “Madonna della Sanità” ha partecipato, in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale, l’Assessore al Bilancio dott. Arcangelo Russo, accompagnato dal Responsabile dell’Ufficio Stampa e Comunicazione Istituzionale, il giornalista Antonio Castaldo. Fra i tanti fedeli, a condividere il passo del pellegrino, i canti e le orazioni, vi erano anche i rappresentanti dei battenti della dell’Associazione “Maria SS. dell’Arco” ed il gruppo degli eroici promotori ed organizzatori dei festeggiamenti ariani insieme alle Suore Domenicane, appartenenti all’eroica Associazione “Madonna della Sanità”. La banda musicale era diretta dai fratelli Giovanni e Alberigo Esposito insieme al maestro Napolitano.

Il rientro alla Chiesetta della “Madonna della Sanità”, sulle Taverne di Mariglianella, è qui postato https://www.youtube.com/watch?v=qg188TA0ZsI .

Lungo il percorso, che ha attraversato tutto il paese di Mariglianella, c’è stato l’efficace servizio di vigilanza degli agenti di Polizia Municipale coordinati dal Comandante Ten. Andrea Mandanici, con la fattiva collaborazione dei volontari della Protezione Civile.

Durante la Celebrazione Eucaristica, il Parroco Don Ginetto De Simone, nella sua coinvolgente e illuminante omelia ha affermato: «Ma che bella la Festa della Madonna che ritorna liturgicamente. La Chiesa ce la presenta sotto titoli svariati, ma questa è la nostra festa. E’ il titolo in cui noi l’abbiamo incontrata e Maria si fa incontrare. Nella prima pagina della Storia dell’Umanità c’è presentata Lei, una donna: “Io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la sua stirpe e la tua stirpe”. Nel quadro che abbiamo nella Chiesa di San Giovanni, la pala sull’altare, che è l’Apocalisse, c’è proprio disegnato questo: la donna, la Madonna, che schiaccia il capo del maligno, del male. Dio ci ha promesso la vittoria sul male. Ma il male si annida anche dentro il nostro cuore, dentro le vicende della nostra esperienza quotidiana. Il male che c’è si camuffa, si presenta sotto varie forme. E il nostro cuore è talmente anestetizzato che spesso non riesce a vedere a coglierlo. E vedete, figli miei -ha terminato Don Ginetto- quanto è importate camminare insieme e guardare lo stesso volto, il Volto della Madonna della Sanità per la nostra Salvezza. A lei affidiamo tutte le famiglie del mondo».

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Nicola Riccio >>




Articoli correlati



Altro da questo autore