Lavoro in nero nel Vesuviano, denunciati datori stranieri. Chiuse fabbriche

Antonio Franzese

Sottoposti a controllo anche 3 minimarket. Ecco cosa hanno scoperto i carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro di Napoli

VESUVIANO – Lavoro in nero. A finire nei guai numerosi cittadini stranieri. In particolare, nel comune di Palma Campania, i carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro di Napoli, hanno denunciato un 22enne cingalese. Il giovane era titolare di una sartoria in cui occupava irregolarmente connazionali, in totale assenza di sicurezza sul luogo di lavoro. L’attività è stata sospesa.

Sequestrata, inoltre una ditta che confeziona abbigliamento. Denunciato il titolare. L’uomo, anche lui originario dello Sri Lanka ma residente a Palma Campania, dava lavoro a stranieri che operavano in locali non a norma e con attrezzature non sicure.

Sottoposti a controllo anche 3 minimarket di Palma Campania, gestiti da cittadini cingalesi: scoperti 3 lavoratori “a nero” e carenze in materia di sicurezza.

Nel comune di  San Gennaro Vesuviano è stato infine denunciato un 40enne. Anche in questo caso di origine cingalese, proprietario di una ditta tessile: dava lavoro a 2 connazionali irregolari.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Antonio Franzese >>




Articoli correlati



Altro da questo autore



MM_Mariano
test 300x250
In Evidenza
test 300x250