Napoli, confiscato patrimonio per 6 milioni di euro ad esponente del clan Ferrara-Cacciapuoti

La gestione dei beni in questione è stata affidata all’Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati. Nei confronti del soggetto è stato poi disposto il divieto di dimora per tre anni

NAPOLI - Camorra. Attività delle fiamme gialle esercitata a contrasto dei traffici illeciti e dell’aggressione ai patrimoni accumulati dalla criminalità organizzata.

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, hanno proceduto alla confisca di beni per un valore stimato di 6 milioni di euro, nella disponibilità di un soggetto appartenente al clan camorristico Ferrara-Cacciapuoti, egemone in uno dei comuni dell’area Nord di Napoli.

Dagli accertamenti condotti dalle fiamme gialle di Giugliano in Campania, è emerso che un soggetto ed il proprio nucleo familiare non avevano dichiarato redditi inerenti all’acquisto di beni mobili ed immobili posseduti. Inoltre, non sono stati in grado di giustificare la provenienza delle somme utilizzate per il sostentamento della famiglia e l’elevato tenore di vita manifestato.

Pertanto, tali evidenze hanno portato prima al sequestro preventivo dell’intero patrimonio ritenuto “socialmente pericoloso” e, successivamente, alla confisca di tutti i beni già sottoposti a sequestro: si tratta di 11 immobili ed un terreno, ubicati nel Comune di Villaricca (Na), un autoveicolo, una società immobiliare con sede nello stesso comune e tre rapporti bancari. Il tutto per un valore complessivo di circa 6.000.000 di euro.

La gestione dei beni in questione è stata affidata all’Agenzia Nazionale dei Beni Confiscati. Nei confronti del soggetto è stato poi disposto il divieto di dimora per tre anni.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore