Napoli, ricercato dal 2011: arrestato in Polonia

Vincenzo Esposito

NAPOLI - Si era rifugiato in Polonia creandosi una seconda vita sotto falso nome. Ricercato dal 2011, è finito in manette Antonio Cella, 45enne ritenuto contiguo sia al clan Contini, operante nei quartieri del Vasto e dell’Arenaccia, che al gruppo criminale dei De Tommaso operante a Forcella.

Ha svolto ruolo di broker nell’importazione di droga da Olanda e Spagna, reato di spaccio di stupefacenti che aveva costituito il motivo della condanna, nel 2015, a 10 anni ed 11 mesi di reclusione.

Cella era stabile da più di 4 anni a  Glogow, cittadina di circa 70mila abitanti al confine tra Polonia e Germania. Qui, sotto falso nome, si era stabilizzato insieme alla compagna ed alla figlia di 4 anni, vendendo porta a porta elettrodomestici e prodotti di elettronica.

Quando i reparti speciali hanno fatto irruzione insieme ai Carabinieri si è rivolto a questi ultimi chiedendo se fossero della “Pastrengo”, la sede del nucleo Investigativo di Napoli. Quando ha avuto risposta affermativa non ha nemmeno provato a usare i  documenti falsi utilizzati per la nuova identità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Vincenzo Esposito >>




Articoli correlati



Altro da questo autore