Napoli, le case della camorra: sequestrato intero patrimonio immobiliare

redazione-

Affari illeciti: case, conti in banca ed investimenti riconducibili al gruppo camorristico "Licciardi-Bidognetti-Mallardo"

VARCATURO – Affari illeciti. Case, conti in banca e investimenti riconducibili a gruppo camorristico, intestati a prestanome, ma che erano di fatto di un elemento di spicco del clan.

E' quanto scoperto dai carabinieri dell’Aliquota Operativa di Giugliano in Campania, che hanno eseguito un decreto di sequestro beni a carico di un 57enne di Giugliano, gia’ noto alle forze dell'ordine. L’uomo, figura di spicco di direttorio del cosiddetto gruppo misto formato dai “Licciardi - Bidognetti -Mallardo”.

Sotto sequestro un appartamento di 100 mq a Giugliano e 14 monolocali da 45 mq. Si tratta di conti correnti e quote di un fondo comune d’investimento, per un valore complessivo stimato in un milione di euro.

I Carabinieri hanno scoperto che il patrimonio immobiliare, sebbene intestato a terze persone, era nella disponibilità del 57enne.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di >>




Articoli correlati



Altro da questo autore