San Vitaliano, crisi Salumificio Spiezia : l’urlo silenzioso di una comunità ferita

Nicola Riccio

Il corteo di ieri sera partito dalla parrocchia Maria SS. Della Libera è terminato nello spiazzale del Salumificio Spiezia

SAN VITALIANO –  La tufa storica risuona energicamente a chiusura della processione . Sono le ore 22:00 circa di ieri sera ed il corteo, promosso dalla Diocesi di Nola, ormai giunto nello spiazzale dell’azienda sanvitalianese, dopo pochi istanti si sfalderà. Un silenzio surreale si mescola  alle ombre delle candele che, lungo tutto il tratto percorso, hanno accompagnato le preghiere di chi ha sposato l’iniziativa.

Centinaia le persone dietro la Croce. Fiera ed alta a protezione dell’intera comunità. Dopo i primi minuti nella parrocchia Maria SS. Della Libera di San Vitaliano, il corteo si muove presso Piazza Da Vinci, la prima agorà del Comune guidato dal Sindaco Falcone .

Lì , in cerchio, esponenti della Diocesi, della Chiesa ,dell’Amministrazione , della politica locale e nazionale , tutto il mondo associativo e tutte le famiglie che vivono grazie al Salumificio, ad urlare la voglia di riappropriarsi della vita, del futuro e dei sogni . Un grido pacato e sofferto, di chi vuole e pretende soluzioni,  ma sa che la via è in salita.

 Obiettivo : invocare in extremis una soluzione che possa scongiurare la chiusura permanente della storica azienda sanvitalianese, cercando di sensibilizzare il mondo dell’imprenditoria.  Provarle tutte e non lasciare niente al caso. Ci sono in ballo circa 90 famiglie e tutto un indotto di cui si conoscono poco i numeri. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Nicola Riccio >>




Articoli correlati



Altro da questo autore