San Vitaliano piange: il Salumificio Spiezia chiude. Da domani 90 dipendenti a casa

Nicola Riccio

SAN VITALIANO - San Vitaliano piange. Uno dei simboli locali abbassa le serrande. Inevitabile il licenziamento secondo i titolari dell'Azienda,  che ieri hanno chiamato i propri lavoratori comunicando loro lo stato di profonda crisi.

Nessuna nuova alba.  E' il baratro nonostante diversi gruppi di investitori siano stati interessati all'acquisizione . I dipendenti del Salumificio Spiezia  oggi hanno protestato nuovamente alla ricerca di concretezza e speranza .

Rappresentanti dei lavoratori, delegati delle sigle sindacali ed il Sindaco Falcone in questi minuti sono al primo piano dell'Azienda sanvitalianese a colloquio con i titolari . Da domani, appurato che le trattative con gli investitori non siano andate in porto, si aprirà la strada per la liquidazione dei dipendenti. 

I lavoratori in questo momento sono sul piede di guerra. L'aria che tira è pesante. Un gruppo di dipendenti sosta all'interno dello spiazzale . Altri bloccano le vie di accesso all'azienda per protesta, tracciandone i limiti col nastro rosso e impedendo, così, di fatto il transito alle vetture. Dall'altro lato i Carabinieri locali nel vano tentativo di calmare gli animi.

 Protesta spontanea con occupazione della strada. Una tragedia  imprenditoriale, economica, occupazionale e sociale che oggi ha avuto un nuovo picco negativo. Probabilmente l'ultimo. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net





Articoli correlati



Altro da questo autore



In Evidenza