Sequestro per oltre due milioni: nei guai emittente Julie Italia srl

Antonio Franzese

L’accusa: fatture per operazioni inesistenti per 11 milioni. Nei guai anche Carolina Pisani e Christos Ioannou, ex ed attuale amministratore della società

NAPOLI - Sequestro preventivo di beni per oltre 2 milioni di euro, nei confronti dell’emittente televisiva regionale “Julie Italia”. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Napoli. Il reato ipotizzato è quello della frode fiscale. In particolare secondo gli investigatori  Julie Italia srl, in un periodo compreso tra il 2011 e il 2016, avrebbe utilizzato fatture per operazioni inesistenti derivanti da fittizie attività di compravendita immobiliare.

Sono stati sequestrati i conti correnti della società e i beni di Lucio Varriale (amministratore di fatto della società), Carolina Pisani (amministratrice fino al 15 gennaio 2013) e Christos Ioannou (amministratore in carica). Perquisite le abitazioni dei tre indagati e delle società del gruppo editoriale.

L’indagine si basa anche sulla ipotesi di reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net



Articoli correlati



Altro da questo autore



Martino Liquori
test 300x250
In Evidenza
test 300x250