Marigliano, cimitero senza luce e acqua

Anita Capasso

MARIGLIANO -  Cimitero al buio e senza acqua. Il Comune rescinde il contratto con la ditta Alfano.  E il caro estinto resta al buio,  senza acqua necessaria per garantire la pulizia dei loculi e il ricambio d'acqua nei boccali.

 

È  ormai da due giorni che l'elettricità non viene più fornita. Stando a quanto trapela dagli addetti ai lavori, il Comune ha  liquidato la ditta perché non contenta del servizio,  che veniva svolto da ben 13 anni. A quanto pare i conti non tornavano, secondo il Palazzo di città,  sul numero di contratti stipulati e sulla parte  spettante al Comune.

Una situazione che avrebbe spinto la municipalità a settembre a dare il benservito alla ditta.  Nonostante tutto l'energia elettrica veniva ancora fornita a nome di un'altra ditta,  facente capo sempre al gruppo Alfano, che non si era reso  conto che sul proprio bilancio continuava a pesare il carico  del cimitero mariglianese.  Insomma la ditta non poteva certo fornire l'energia elettrica free.

Due giorni fa lo stop all'erogazione. A farne le spese i familiari del caro estinto,  che stanno manifestando tutto il proprio disappunto agli addetti cimiteriali. Il cimitero è senza corrente elettrica, che è un danno anche se  sopportabile.  Il fatto veramente grave, però,  è che  oltre a non funzionare le luci sui vari loculi,   e quelle dei vialetti, restano ferme anche le pompe di sollevamento dell'acqua. E questo è un  problema vero. Urgente. L'acqua è vita... anche per i morti.

 

 Insomma la situazione diventa critica, sul piano igienico sanitario se manca l’acqua. Il cimitero di Marigliano ha anche una sala mortuaria ed è importante anche pulire e disinfettare. Ma senza acqua come si fa? Dai rubinetti non esce neanche un filo d'acqua. Si spera che l’Amministrazione comunale, o il responsabile addetto , risolva a breve il problema.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net





Articoli correlati



Altro da questo autore



In Evidenza