Brusciano: guerra per il controllo dello spaccio

Redazione

BRUSCIANO - Svolta nelle indagini nella sparatoria di Brusciano di ieri sera. Le indagini proseguono senza sosta. È in atto una vera e propria faida tra due clan,  che ci contrappongono per il dominio delle attività delinquenziali nella città.

Si suppone,  che con le sparatorie degli ultimi giorni sia in atto una nuova guerra tra i gruppi emergenti,  per il controllo delle piazze dello spaccio, che ha buttato la città di Brusciano nel terrore. L’ultima sparatoria è quella di ieri sera tardi, in cui sono stati  feriti Bruno Piacente, pregiudicato, ed Eugenio Imparato, di 30 anni.

Il commando che ha sparato  è arrivato a bordo di uno scooter. I colpi sono stati indirizzati contro un’auto su cui erano i due uomini, uno a bordo,  e l’altro  fuori, vicino alla porta della stessa auto. Lo scontro si è avuto  in una stradina  adiacente  alla scuola elementare della 219.

Intanto è stretta dei carabinieri sul rione. Sono tuttora in atto interrogatori. I militari hanno ascoltato noti pregiudicati della zona, presidiando le strade del quartiere e  passando al setaccio tutti gli  ambienti malavitosi .

Gli inquirenti, infatti,   non mollano la presa e battono la pista della faida maturata nelle piazze dello spaccio, che vede  proprio nel rione della 219 l’epicentro  della gestione dell’affare droga sul territorio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore