Si nascondeva a Marano: catturato elemento di spicco del clan

Redazione

NAPOLI – Si nascondeva in un appartamento in via Barco, a Marano. Bloccato dalla Sezione “Catturandi” del Nucleo Investigativo di Napoli: si tratta del 35enne Felice D’Ausilio, reggente dell’omonimo clan e figlio del capo storico Domenico D’Ausilio, attualmente in carcere e sottoposto a regime speciale.

Quando ha intuito l’imminente irruzione dei Carabinieri, D’Ausilio ha tentato di fuggire da una finestra posta sul retro dell’abitazione. All’ingresso, i militari hanno trovato un 50enne di Qualiano che, da quanto emerso, provvedeva alle necessità domestiche del fuggitivo.

Grazie a D’Ausilio, l’omonima organizzazione camorristica, operante nelle zone di Bagnoli, Agnano, Cavalleggeri, si stava ri-organizzando per prendere il controllo dell’area flegrea, in particolare attraverso imposizione del racket ai commercianti.

Questo quanto emerso da un’ampia indagine che ha già portato a 4 fermi per estorsione nel mese di settembre, relativi ad esponenti della medesima organizzazione criminale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore