Marigliano, presi ladri di appartamento. Si fingevano operai Enel.

Redazione

 MARIGLIANO - Si fingono operai dell' Enel. Si fanno aprire i cancelli d'ingresso dei condomini con la scusa che devono controllare i contatori. E una volta entrati nei palazzi mettono a segno i colpi rivelando la propria identità di topi d'appartamento.

Questa mattina, con la stessa modalità stavano per ripulire un appartamento di un condominio di corso Vittorio Emanuele: già due mesi fa è stato svaligiato un appartamento allo stesso piano. A sventare il furto sono stati i carabinieri di Marigliano, coordinati dal maresciallo Raffaele Di Donato. Ad allertarli è stato una persona del condominio.

L'uomo ha notato c
he i due sedicenti operai anziché portarsi verso i contatori, situati al piano terra, sono andati direttamente sopra, con l’ascensore, all’ultimo piano. I dubbi hanno iniziato ad assalirlo.

E così si è insospettito. E ha allertato i militari del locale comando. D'altra parte la domanda è nata spontanea. Che cosa ci potevano fare i due operai all’ultimo piano? Nel giro di pochi minuti sono giunti sul posto i militari, l’intervento è stato fulmineo, che hanno fermato e perquisito i due finti operai.

Dalla perquisizion
e delle borse che avevano al seguito sono spuntati, infatti, arnesi da scasso: guanti, giraviti, forbici, una torcia , ecc. Entrambi sono stati portati in caserma per l’identificazione e sono stati denunciati a piede libero.

I carabinieri invitano la cittadinanza a non fidarsi e a non aprire a nessuno: l'Enel non sta effettuando nessun controllo dei contatori su Marigliano.

Nel caso doveste individuare persone con fare sospetto presso le vostre abitazioni non esitate ad allertare l'Arma dei carabinieri. Sono diversi, infatti, i condomini che sono stati ripuliti, e anche gli imbroglioni che si aggirano in città.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright MARIGLIANO.net


Leggi tutti gli articoli di Redazione >>




Articoli correlati



Altro da questo autore